Al via l’osservatorio sulla comunicazione di genere in Puglia

vendola

Al via l’osservatorio sulla comunicazione di genere in Puglia

La Puglia continua la sua battaglia lungo la tortuosa strada delle pari opportunità. Ѐ stato infatti siglato questa mattina tra la Regione, gli organismi regionali di parità e le quattro università pugliesi (Università degli Studi di Bari, Università degli Studi del Salento, Università degli Studi di Foggia e Politecnico di Bari) il protocollo d’intesa per dare avvio all’Osservatorio sulla comunicazione di genere

Obiettivi dell’osservatorio

È proprio nel terreno della parità che affonda le proprie fondamenta il protocollo firmato recentemente, ultimo tassello attuativo della Legge Regionale n. 7 approvata quattro anni fa e subito identificata come la legge per le pari opportunità.

 

Tra i compiti dell’Osservatorio, quelli di fornire un supporto scientifico alla regione in materia di comunicazione orientata al genere, promuovere attività di prevenzione e contrasto agli stereotipi di genere, realizzare nuove iniziative di natura tecnico scientifica, formativa e culturale in questo campo.

 

La collaborazione con le università e gli organismi regionali

Fondamentale per i primi passi che l’Osservatorio compirà l’esperienza delle università pugliesi e degli organismi regionali di parità, protagonisti negli ultimi anni di numerosi interventi nella direzione delle pari opportunità.
A fare da cornice al lavoro dell’Osservatorio un percorso di condivisione e collaborazione con gli organismi locali di parità, le associazioni e i movimenti femminili.

Gentile: prevenire la violenza di genere

Come ha dichiarato l’Assessore regionale al Welfare Elena Gentile, il protocollo firmato questa mattina rappresenta “un segnale chiaro da parte nostra per porre un freno al fenomeno dilagante, trasversale alle diverse forme di comunicazione, dell’uso distorto della figura femminile che la vedono spesso confinata in ruoli di secondo piano, stereotipati e svilenti. La comunicazione è uno strumento potente per consolidare lo status quo o per determinare un’inversione di tendenza. L’Osservatorio  rappresenta anche un ulteriore strumento in favore del nostro impegno, avviato già da mesi, per contrastare e prevenire la violenza di genere”

Vendola: la battaglia per il cambiamento

“Questa non è una delle battaglie per il cambiamento: è la battaglia per il cambiamento. Oggi siamo dentro un passaggio molto importante – ha dichiarato il governatore pugliese Nichi Vendola – quello per cui la codificazione di un linguaggio maschilista becero, che è diventato una lingua ufficiale e del potere, viene contestato apertamente, dopo vent’anni in cui il nostro paese si è assuefatto a questo codice sessista e maschilista”.
“La perdita di ruolo e di onnipotenza del genere maschile – ha continuato Vendola – non ha prodotto però un terreno dove poter vivere la parità come una chance per tutti. Occorre rompere la barriera architettonica non solo per ridiscutere il ruolo delle donne, ma anche per ridiscutere criticamente il ruolo dei maschi”.

Roberta Genghi

Condividi