Bando da 600 mila euro per il settore avicolo piemontese

settore avicolo

Bando da 600 mila euro per il settore avicolo piemontese

A sostegno dell’economia rurale della Regione Piemonte, l’assessorato all’agricoltura ha approvato il bando sulla misura 215 (benessere degli animali). In particolare potranno presentare domanda tra il 15 aprile e il 16 maggio gli imprenditori del ramo delle uova

In attesa dell’entrata in vigore della nuova direttiva europea, il 1° gennaio 2012, le aziende del comparto avicolo dovranno iniziare ad operare tutti cambiamenti necessari a migliorare le condizioni igieniche e di benessere animale sanciti dall’Unione Europea.
Per aiutare gli imprenditori del settore a sostenere le spese per effettuare le migliorie del caso, l’assessorato all’agricoltura della Regione ha stanziato 600 mila euro per il settore avicolo delle galline ovaiole. Si tratta di un settore non certo irrilevante per l’economia rurale piemontese, né per quella italiana in generale, se solo si pensa al numero di uova di gallina che vengono immesse sul mercato giornalmente.
Si può infatti affermare che la maggior parte dei prodotti alimentari si basa sulle uova. Si tratta di un bene primario di largo consumo che però ha delle controindicazioni, in quanto a livello sanitario se le uova non sono “pulite” possono provocare dei danni al fisico umano, ovvero delle malattie anche gravi. Per questo la UE ha stabilito delle norme igieniche alle quali si deve far riferimento, sia per avere degli animali in salute, sia per avere degli esseri umani in salute.
I lavori da eseguire sono stati pubblicati in una apposita scheda informativa. La scadenza per presentare le domande di aiuto è il 16 maggio. Esse vanno presentate a partire dal 15 aprile, dopo aver letto il relativo bando.

Allegati

pdf Bando-aiuto-x-galline-ovaiole-Reg-Piemonte.pdf
pdf Schema-lavori-adeguamento-x-settore-avicolo.pdf