OGM vietati in Friuli Venezia Giulia : nuovo testo di legge

OGM

Testo di Legge Regionale sugli OGM approvato dalla Commissione Consiliare in Friuli Venezia Giulia

Dopo decine e decine di emendamenti, le proposte di legge presentate sono state praticamente sostituite da un nuovo testo approvato dalla Commissione del Consiglio Regionale friulano  che verrà presentato in Aula per il via definitiva entro fine mese

Articolo chiave della neonata Legge è il nr. 3, con il quale si vieta su tutto il territorio regionale la coltivazione di Organismi Geneticamente Modificati (OGM).

In deroga a tale divieto, ne è possibile la coltivazione solo se autorizzata e a fini di sperimentazione purche iin ambiente controllato al fine di impedire il rilascio di materiale genetico modificato che potrebbe mischiarsi con le colture biologiche e convenzionali.
Ci sarà un’autorità competente, l’ERSA, che certificherà le eventuali commistioni da OGM e individuerà i siti adatti alla sperimentazione. Il corpo forestale della regione vigilerà e controllerà che i dettami della Legge vengano rispettati.
All’ERSA spetterà anche di controllare i campioni prelevati dai terreni al fine di verificare che non ci siano state contaminazioni.
A chi non si dovesse conformare alle indicazioni contenute nella Legge Regionale sugli OGM, verranno applicate sanzioni appositamente inasprite dal nuovo provvedimento.
Devono ancora essere emanati i regolamenti con i criteri per individuare i siti utilizzabili per la sperimentazione e per la realizzazione del programma annuale di vigilanza e controllo che dovranno riportare anche le modalità per la rimozione dei prodotti fuori legge.
L’approvazione della Legge Regionale è stato molto combattuta: alcuni consiglieri (appartenenti al PD e all’Italia dei Valori) hanno scioperato in segno di protesta per non aver avuto il tempo di esaminare gli emendamenti che hanno prodotto il nuovo testo, tutti a firma Daniele Galasso (Pdl) e Mara Piccin (LN) e presentati nella stessa giornata. L’UDC si è mostrata prevalentemente contraria; a favore invece il PdL, LN e SA. Il Gruppo Misto ha definito sbagliato e irregolare dal punto di vista normativo il divieto totale di coltivare OGM.
Si ricorda che la Commissione aveva svolto una serie di audizioni con le categorie interessate. Il problema dal quale è scaturita la necessità di inasprire la Legge sugli OGM, è stato il riscontro che alcune aziende agricole hanno seminato mais transgenico nonostante il divieto. L’inasprimento ha raggiunto però un livello troppo alto secondo alcuni consiglieri e troppo basso secondo altri.
Ad esempio, alcuni si sono lamentati del fatto che uno degli emendamenti ha cancellato la parte in cui il precedente testo proposto vietava la somministrazione di prodotti contenenti OGM nelle mense scolastiche e degli ospedali.
Insomma un provvedimento contrastato come tutti quelli che trattano i temi delicati che coinvolgono la salute delle persone e il progresso scientifico intrecciati con gli interessi economici degli imprenditori e dei lavoratori.

 

Condividi