Stella al merito al lavoro a una donna in Val d’Aosta

lucia-maria-stella-al-merito-del-lavoro

Stella al merito al lavoro a una donna in Val d’Aosta

In occasione della festa del lavoro, il prossimo primo maggio, verrà consegnata la Stella al merito del lavoro a tre Maestri del Lavoro vadostani. Fra di essi una donna: Maria Lucia. L’onoreficenza verrà conferita con Decreto del Presidente della Repubblica

La stella al merito del lavoro viene conferita alle persone che si sono particolarmente distinte nell’ambito del lavoro per le loro doti particolari di perizia, di laboriosità, condotta e anzianità di occupazione. Il fatto che essa venga conferita a una donna è motivo di orgoglio per tutte quelle donne che per secoli hanno operato attivamente e laboriosamente senza che sia mai stato riconosciuto ufficialmente il loro valore.

La cerimonia di consegna dell’onoreficenza si svolgerà alle ore 19,30 presso il Salone delle Manifestazione del Palazzo Regionale di Aosta. Le decorazioni saranno consegnate alla presenza del Presidente della Regione Augusto Rollandin, del Console dei Maestri del Lavoro Luigi Busatto e del Direttore della Direzione Regionale del Lavoro Luigi Corrente.

Maria Lucia è nata nel 1957 a Verbicaro, in provincia di Cosenza, e dal 1983 è entrata a far parte della Cooperativa Sociale “Nella” di Saint-Vincent in qualità di socia lavoratrice. Aveva già avuto in precedenza altre esperienze lavorative come quella presso l’Aero Club Valle d’Aosta e si era diplomata all’Istituto Professionale Regionale di Saint-Vincent. Ma il suo percorso professionale l’ha portata ad entrare in cooperativa assumendo la mansione di operaia e a percorrere tutti i gradini della carriera fino a divenirne presidente nel 1997, carica che ancor oggi ricopre con onore.

In 31 anni di servizio, Maria Lucia ha vissuto per intero l’evoluzione del fenomeno cooperativistico privato nel campo sociale: ha realizzato assistenza ai bambini nei servizi scolastici, assistenza ai disabili, ai soggetti svantaggiati da inserire nel mondo del lavoro e alle famiglie. Il tutto dando sempre la priorità oltre che all’aspetto professionale a quello umano, psicologico. Inoltre, è sempre stata attenta alla sicurezza dei lavoratori tanto è vero che tra gli altri incarichi è stata anche nominata responsabile del Servizio di
Prevenzione e Protezione della Cooperativa.

Si tratta di una donna, per cui è riuscita a gestire contemporaneamente sia la sua carriera professionale che quella all’interno della propria famiglia, come moglie e madre, alla quale ha aggiunto una intensa attività di volontariato. Per essersi distinta grazie alle sue particolari doti di professionalità e di umanità, è stata proposta per l’onoreficenza proprio da tutti i suoi colleghi, dal consiglio di amministrazione e dai fondatori storici della Cooperativa.

Per la Valle d’Aosta saranno insigniti dell’onoreficenza anche Sergio Annibale Peloso, nato ad Aosta nel 1947, con 31 anni di servizio (iniziato a soli 15 anni come apprendista carpentiere meccanico) e Roberto Riva, nato anch’egli ad Aosta nel 1947, con 37 anni di servizio nel settore delle acciaierie.

 

Condividi