Healt Check: 17 milioni per imprese del settore agricolo, forestale e caseario

Health-check

Healt Check: 17 milioni per imprese del settore agricolo, forestale e caseario

In arrivo 5 bandi per finanziare i miglioramenti dei sistemi idrici ed energetici delle imprese piemontesi.

La Regione accoglie la sfida europea dell’Health Check per accrescere il valore aggiunto dei propri prodotti agricolo-forestali

I finanziamenti saranno così suddivisi: oltre 8,6 milioni di euro saranno destinati al bando per il settore lattiero caseario bovino per il miglioramento della trasformazione e commercializzazione dei propri prodotti; oltre 4,5 milioni di euro saranno destinati al bando per il risparmio energetico affinchè si migliori l’efficienza energetica; 1,8 milioni di euro andranno al bando per il risparmio idrico, per l’impianto di nuove tecnologie che permettano un utilizzo razionale dell’acqua; 1 milione di euro andrà al bando per le acque di scarico – contratto fiume del torrente Belbo (per il quale erano giunte molte segnalazioni dalle province interessate); oltre 1,3 milioni di euro sono infine destinate al bando per le acque di scarico regionali. Entrambi gli ultimi due bandi sono finalizzati al miglioramento della qualità delle acque.

 

I finanziamenti saranno così suddivisi: oltre 8,6 milioni di euro saranno destinati al bando per il settore lattiero caseario bovino per il miglioramento della trasformazione e commercializzazione dei propri prodotti; oltre 4,5 milioni di euro saranno destinati al bando per il risparmio energetico affinchè si migliori l’efficienza energetica; 1,8 milioni di euro andranno al bando per il risparmio idrico, per l’impianto di nuove tecnologie che permettano un utilizzo razionale dell’acqua; 1 milione di euro andrà al bando per le acque di scarico – contratto fiume del torrente Belbo (per il quale erano giunte molte segnalazioni dalle province interessate); oltre 1,3 milioni di euro sono infine destinate al bando per le acque di scarico regionali. Entrambi gli ultimi due bandi sono finalizzati al miglioramento della qualità delle acque.

Per quanto riguarda il settore lattiero caseario, sono stati modificati i criteri di priorità per dar modo alle imprese che avevano firmato l’accordo per il prezzo indicizzato del latte di avere la precedenza, dal momento che si tratta di imprese che, come ha affermato l’assessore Claudio Sacchetto “sostengono i nostri agricoltori”.
Si tratta infatti di seguire le istruzioni dell’Unione Europea che, tramite il programma Health Check, ha stanziato risorse aggiuntive al PSR 2007-2013 (Piano di Sviluppo Regionale) in particolare per la misura 123
“Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali”.
sviluppo rurale

sviluppo rurale

sviluppo rurale

Secondo l’assessore regionale all’agricoltura Claudio Sacchetto, con la delibera che dà l’avvio ai bandi “si procede ad applicare un’importante misura sull’agroalimentare prevista dall’Health Check, rispettando in questo modo le direttive europee. Particolare rilevanza ricoprono da un lato l’azione inerente il Contratto di fiume del Torrente Belbo – dove sono state riscontrate criticità ambientali emerse dal Rapporto Ambientale Vas – e per il quale erano state avanzate segnalazioni dalle province interessate (Asti, Alessandria, Cuneo); dall’altra reputo importante il bando dedicato al settore lattiero caseario, da sempre comparto di eccellenza per la nostra Regione. In quest’ultimo ambito sono stati rivisti e quantificati i criteri di priorità per l’assegnazione dei contributi, con l’obiettivo finale di valorizzare le imprese che hanno aderito all’accordo indicizzato del prezzo del latte: una scelta strategica, perché la Regione vuole sostenere le aziende che a loro volta sostengono gli agricoltori piemontesi”.

tabella 4

La giunta regionale piemontese il 6 giugno ha inoltre deciso di erogare 10 milioni di euro “per lo scorrimento della graduatoria dei progetti presentati dal settore ortofrutticolo e 4,4 milioni per lo scorrimento di quelle del settore vitivinicolo”.

 

Allegati

pdf Health-Check.pdf