Aiuti della Regione Piemonte per coprire i costi di fidejussione

Aiuti della Regione Piemonte per coprire i costi di fideiussione

 

Lo strumento di aiuto per ottenere fidejussioni gratuite è stato prorogato fino a dicembre 2014. Possono richiederlo i titolari di imprese agricole

La giunta regionale ha modificato, aumentandone l’efficacia, lo strumento di aiuto attivo dalla fine del 2010, che consente alle aziende di ottenere fidejussioni gratuite per garantire gli anticipi sui contributi concessi dalla Regione. Ora potranno utilizzare tale strumento anche le imprese interessate dalla misura 125 del PSR (gestione delle risorse idriche).

Per tutte le imprese che sono interessate dalle misure 125, 112,121 e 311 i termini di presentazione della domanda per accedere a tali aiuti sono stati prorogati al 31 dicembre 2014. Le risorse messe a disposizione sono pari a 300 mila euro.

“Questo provvedimento rappresenta un ulteriore passo in avanti di una politica dell’Assessorato” ha dichiarato l’assessore regionale all’agricoltura, Claudio Sacchetto, “volta a sostenere direttamente le imprese sul territorio. Lo strumento di aiuto messo in campo dalla Giunta e attivo dalla fine del 2010 – servizio che consente alle aziende di ottenere fideiussioni gratuite conseguentemente alla copertura dei costi da parte della regione – grazie alla delibera odierna continuerà ad essere funzionante ed usufruibile dai titolari di imprese agricole fino al dicembre 2014. L’ampliamento della fascia di soggetti che possono beneficiare dell’aiuto e la proroga della data di presentazione delle domande, permettono di dare un nuovo sostegno all’agricoltore piemontese operante sul territorio”.

Per un approfondimento, alleghiamo all’articolo il bando relativo alla misura 125 del PSR dal quale è possibile capire a quali aziende e per quali opere sono stati attivati i fondi concessi in passato e per i quali al momento attuale si possono richiedere di applicare gli aiuti a copertura dei relativi costi di fidejussione.

 

pdf psr-misura125-bandopiemonte.pdf”