Fondo di rotazione a favore delle imprese artigiane del Friuli Venezia Giulia

Fondo di rotazione a favore delle imprese artigiane del Friuli Venezia Giulia

 

Nuove risorse immesse nel fondo per l’artigianato: 10 milioni di euro che possono essere richiesti da agosto. Le risorse sono state immesse dal Fondo di rotazione per la stabilizzazione del sistema economico regionale istituito nel 2009

Il settore dell’artigianato regionale può approfittare di questi ulteriori 10 milioni di euro che vanno ad arricchire un fondo che finora ha fatto ruotare risorse per un valore di 75 milioni di euro. L’importo massimo del finanziamento che ogni impresa artigiana in situazione critica può richiedere, è di 300 mila euro.

Si tratta di misure anticrisi che sono state varate nel 2009, l’anno in cui si è entrati in questo periodo di recessione economica, e che finora hanno visto per quattro volte rimpinguare il fondo diretto agli artigiani.
Il Fondo di rotazione per la stabilizzazione del sistema economico regionale, oltre a gestire le risorse da allocare, ha il compito di controllare l’impiego del denaro trasferito, cosa che verrà presto fatta.

Le imprese possono richiedere finanziamenti a tasso agevolato di durata non superiore a 10 anni (ma di minimo 5 anni) per  rafforzare la propria strutture aziendale o per consolidare i  debiti contratti passandoli da debiti a breve termine a debiti a medio o a lungo termine. 

Per la precisione, la Legge regionale 11/2009, contenente le misure anticrisi che autorizzano il FRIA (Fondo Rotazione Imprese Artigiane) ad utilizzare le risorse disponibili, prescrive che sono finanziabili le seguenti iniziative:

a) consolidamento di debiti a breve termine in debito a medio e lungo termine, finalizzato al rafforzamento delle strutture aziendali, a condizione che la situazione economica dell’impresa non risulti irrimediabilmente compromessa e che gli interventi di consolidamento siano finalizzati al riequilibrio, al risanamento e al rafforzamento della situazione finanziaria aziendale;
b) operazioni di riscadenzamento, sospensione temporanea e allungamento di piani di ammortamento per il rimborso di pregresse esposizioni finanziarie.