Fondo di rotazione per l’imprenditoria femminile veneta

Fondo di rotazione per l’imprenditoria femminile veneta

Istituito con Legge Regionale nr. 1 del 2000, rifornito di ulteriori risorse economiche nel 2006, il fondo di 3 milioni di euro annue è sempre attivo. Lo scopo è quello di promuovere la creazione di nuove imprese e l’innovazione delle vecchie. Naturalmente devono essere imprese condotte da donne

Il fondo di rotazione non ha scadenza: nel momento in cui il denaro rientra, è subito disponibile per una nuova richiesta. L’ente che lo gestisce, in appalto, per la Regione è “Veneto Sviluppo S.p.A.” che ha sede in provincia di Venezia e che si può contattare al nr. 041.3967211 o all’email info@venetosviluppo.it. Possono presentare la domanda e beneficiare delle agevolazioni le PMI o i loro consorzi a gestione prevalentemente femminile costituite dopo il 1 gennaio di ciascun anno operanti nel Veneto.

I finanziamenti sono distinti in contributi in conto capitale a fondo perduto e fondo di rotazione costituito da una parte di soldi pubblici a tasso zero e da una parte di denaro prestato dalle banche a tasso convenzionato: la media dei due tassi applicati sui prestiti del fondo di rotazione fanno sì che le imprenditrici possano beneficiare di un tasso di interesse estremamente ridotto.

Il contributo a fondo perduto sarà pari al 15% dei costi sostenuti per realizzare il progetto ammesso. Il restante 85% dei costi saranno finanziati, grazie al fondo rotativo, tra prestito bancario agevolato e quota del fondo regionale a tasso zero.

Si può richiedere un importo compreso tra i 20 mila e i 100 mila euro. La durata massima del periodo di risarcimento del prestito è di 7 anni per gli investimenti mobiliari e di 10 anni per gli investimenti immobiliari o a prevalenza immobiliare.

La domanda, come dicevamo, può essere presentata in qualunque momento ma può capitare che l’erogazione finanziaria venga sospesa nel momento in cui la cassa è esaurito essendo tutte le risorse in circolazione. In ogni caso la cassa verrà riaperta nel momento in cui i prestiti rientrano e dunque c’è di nuovo disponibilità economica.

I fondi verranno quindi erogati a seconda dell’ordine di presentazione della domanda. Per sapere se al momento in cui si vuol presentare la domanda il fondo è rifornito, occorre telefonare al gestore (Veneto Sviluppo). Nel frattempo alleghiamo la scheda con le ulteriori informazioni e la delibera di giunta istitutiva del fondo.