Agricoltura: il Girolio d’Italia

Agricoltura: il Girolio d’Italia

Fino a 18 dicembre il tour delle Città dell’Olio che comprenderà il 22 ottobre la tappa toscana Trequanda con Gerard Depardieu. L’olio è un prodotto da celebrare non solo per la tipicità e il gusto dei piatti della nostra tradizione, ma anche per il tessuto economico e lavorativo che genera, anche al femminile. Secondo dati di Unioncamere Toscana riferiti al 2010, una azienda agricola su tre in regione è guidata da donne

L’olio buono abita in Toscana. E in Lazio, Friuli, Puglia, Veneto, Trentino, ma non solo. Far conoscere le migliori produzioni, promuoverle e favorire l’agricoltura e l’olivicoltura è l’intento dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, che ha organizzato il “Girolio d’Italia”. Una staffetta del mondo agricolo che, in 17 tappe, porterà i cittadini di molte regioni italiane alla scoperta dell’olio nuovo.

Agricoltura che sempre più diventa multifunzionale: chi si occupa di olivicoltura, specialmente se donna, sviluppa attività collaterali spesso legate anche al welfare, come agri-nido (speciali asili nido che trovano spazio in location rurali), fattorie didattiche o agriturismi.


Cos’è Girolio

Anna Maria Betti, Ass. Prov. Siena – Vice Pres. Città dell’ Olio

Se non si vede il video è necessario aggiornare o installare flash

Dopo una prima tappa a Castelvetrano Selinunte in Sicilia, sabato 22 e domenica 23 ottobre il “Girolio d’Italia” arriva a Trequanda in provincia di Siena in Toscana. Ospite d’eccezione, l’attore francese Gerard Depardieu, appassionato di cose belle e buone: con l’olio toscano condisce i piatti del suo ristorante parigino e non si lascerà sfuggire l’occasione di degustarlo in anteprima.
Convegni, assaggi, musica e appuntamenti con aziende agricole, studenti e cittadini sono gli ingredienti del Girolio d’Italia, progetto fortemente voluto dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio, che riunisce Comuni, Province, Camere di Commercio e Comunità Montane di territori che danno nome ad un olio o in cui esista un’affermata tradizione olivicola. Attualmente il numero degli associati ha superato i 350 Enti, sparsi da Nord a Sud d’Italia, dal Ponente ligure al Triestino, fino alle Isole.

“Girolio è una vetrina importante per l’olio Toscana” ha detto l’Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana Gianni Salvadori presentando l’iniziativa “non solo per Trequanda, che la ospita. La nostra regione produce un olio di eccellente qualità e può vantare 3 Dop, e cioè Terre di Siena, Chianti Classico e Lucca, e un Igp, ossia Olio Toscano. Il comparto raggruppa in regione 11mila olivicoltori ed in totale sono destinati alla coltura dell’olivo circa 97mila ettari”.

Guarda l’intervista video ad Anna Maria Betti, Assessore all’Agricoltura della Provincia di Siena e Vice presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, e a Gianni Salvadori, Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana!

Sono in tutto 17 le date già in calendario per il Girolio d’Italia, organizzato nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, il periodo che vede gli olivicoltori impegnati nella raccolta e nella frangitura dell’olio nuovo. Tra i momenti fissi di Girolio anche il passaggio di un testimone speciale: il passaggio di consegne tra una tappa e la successiva si svolge con l’omaggio “al successore” di una pianta di olivo della cultivar locale che verrà poi piantata nel giardino di una scuola con lo scopo di promuovere tra i giovani uno scambio di storia e cultura legate all’olio tra le varie regioni. Il Comune di Trequanda riceve la pianta dal Comune di Castelvetrano Selinunte, mentre la località toscana la consegnerà a quella laziale di Selci Sabina.

Ecco tutte le date del Girolio:

Ottobre

  • Sabato 15: Sicilia, Castelvetrano Selinunte (Tp)
  • Sabato 22: Toscana, Trequanda (Si)
  • Sabato 29: Lazio, Selci Sabina (RI)

Novembre

  • Sabato 5: Basilicata, Rapolla (PZ)
  • Sabato 12: Marche, Monte San Vito (An) e Cartoceto (Pu)
  • Domenica 13: Campania, Salerno
  • Sabato 19: Friuli Venezia Giulia, Trieste
  • Domenica 20: Liguria, Imperia
  • Sabato 26: Sardegna, Cagliari
  • Domenica 27: Emilia Romagna, Brisighella (Ra).

Dicembre

  • Sabato 3: Abruzzo, Pescara
  • Domenica 4: Puglia, Andria (BAT)
  • Giovedì 8: Umbria, Spello (Pg)
  • Sabato 10: Molise, Campobasso
  • Domenica 11: Veneto, Cavaion Veronese (Vr)
  • Sabato 17: Calabria, Cosenza
  • Domenica 18: Trentino, Arco (Tn)

Agnese Fedeli

Condividi