“150 mani. Collezione italiana” – Una mostra per promuovere la qualità del Made in Italy

mostra 150 mani

Una mostra per promuovere la qualità del Made in Italy

L’iniziativa di Confartigianato e CNA per festeggiare i 150 anni dell’unità d’Italia attraverso lo stile che ci ha resi famosi nel mondo, si terrà a Torino dal 26 novembre all’11 dicembre e si intitolerà “150 mani. Collezione italiana”

Il “saper fare” italiano rappresenta la nostra carta d’identità e permette alle nostre imprese di esportare i propri prodotti in tutto il mondo. Per questo motivo la mostra è stata concepita proprio per valorizzare i nostri artigiani, artisti e designer. L’esposizione si terrà presso il Museo Regionale di Scienze Naturali e racconterà i 150 anni della storia italiana attraverso le opere realizzate per l’occasione.

Gli oggetti presenti sono stati selezionati da una Commissione che li ha valutati sulla base della rappresentatività di quattro particolari temi: Italia al femminile, gioventù ribelle, il design tra innovazione e tradizione, una nazione artigiana. Al bando lanciato quest’estate hanno partecipato centinaia di artigiani e artisti le cui opere saranno il simbolo della manualità, creatività, tradizione e al contempo capacità innovativa delle aziende italiane.

All’inaugurazione della mostra delle eccellenze del Made in Italy, il 26 novembre, interverranno il Presidente di Confartigianato Artistico, Luciano Bigazzi, e il Vice Presidente Nazionale di CNA, Fausto Cacciatori, i quali dichiarano che la loro iniziativa “vuole rilanciare i valori e le specificità del nostro sistema produttivo. Ogni oggetto della mostra ‘150 Mani’ rappresenta un piccolo capolavoro, un pezzo unico frutto dell’abilità, della passione, della capacità innovativa che caratterizzano il ‘patrimonio genetico’ del nostro artigianato e delle nostre piccole imprese, vale a dire oltre 4 milioni di aziende, pari al 95% del nostro tessuto produttivo”.

Le opere in mostra esprimeranno dunque la capacità artistica e artigiana del nostro Paese, ottenuta grazie a segreti di mestiere tramandati per secoli, dunque appartenente alla nostra tradizione, ma abbinata alla capacità tutta attuale di adattarsi alle caratteristiche contemporanee più innovative, in linea con le nuove esigenze del mercato.

La scelta di realizzare la mostra a Torino è dovuta al fatto che questa città è stata la prima capitale dell’Italia unita, ed è importante che il primo tema che le associazioni imprenditoriali organizzatrici hanno deciso di affrontare sia quello del ruolo ricoperto dalle donne durante il processo di unificazione (vedi ns. articolo) e nel periodo di costruzione della nazione.

Ulteriori informazioni sulla mostra sono disponibili sul sito www.150mani.it che riporta anche l’elenco degli artigiani, designer e artisti le cui opere sono state selezionate per la mostra.

 

Condividi