Alluvione: risorse per le aziende colpite in Toscana

alluvione elba

Alluvione: risorse per le aziende colpite in Toscana

Centinaia di aziende devono ora fare i conti con la ricostruzione e il ripristino di materiali e rapporti di lavoro. Le iniziative messe in campo dalla Regione e non solo

L’acqua ha portato via gran parte del loro patrimonio imprenditoriale ed economico, la storia di una vita di lavoro e di impegno. Parliamo di chi ha subito danni gravi e pesanti per colpa della recente alluvione in Lunigiana e all’Isola d’Elba in Toscana. Proprio dalla Giunta regionale della Toscana arrivano notizie interessanti per chi purtroppo si è già dovuto rimboccare le maniche per rimettere in piedi la propria attività. Si tratta di provvedimenti relativi soprattutto a garanzie e contributi in conto interesse.

Stanziato dalla Giunta della Regione anche un fondo da 100mila euro per la promozione e la ripresa turistica delle zone alluvionate in Lunigiana e Isola d’Elba, mentre Artigiancredito Toscano consente una moratoria di 12 mesi sui prestiti bancari. Vediamo tutto nel dettaglio.

 

Garanzie e conto interesse

Sono stati formalizzati nella seduta di giunta regionale del 7 novembre 2011 i criteri per il sostegno alla liquidità e l’accesso ai fondi da parte delle imprese colpite dall’alluvione. Al centro della delibera – che alleghiamo in chiusura di articolo – le garanzie da parte di Fidi Toscana, l’ente che su ispirazione congiunta di amministrazione regionale e banche si occupa di agevolare l’accesso al credito alle piccole e medie imprese. Tra i finanziamenti garantibili ci sono il reintegro di liquidità, il rifinanziamento per estinguere finanziamenti già erogati, il pagamento di stipendi e contributi ai dipendenti e molto altro.
La concessione delle garanzie da parte di Fidi Toscana è stata resa più ampia per le imprese colpite dall’alluvione: l’importo massimo garantito sale da 500 mila euro a 1 milione. La garanzia coprirà inoltre l’80% del finanziamento, non più il 60% come precedentemente previsto.
Modificati anche i parametri per la durata e i requisiti necessari per ottenere la garanzia, sempre con l’obiettivo di rendere più ampia la platea delle imprese che possono accedervi. Le imprese ammesse, salvo casi particolari, sono quelle dei comparti agricoltura, pesca, industria, commercio, artigianato.

Per tutte le informazioni in loco, anche in merito ai finanziamenti in conto interessi, i titolari di aziende colpite dall’alluvione possono rivolgersi all’Ufficio di Fidi Toscana già aperto per questo scopo negli uffici del Comune di Aulla in provincia di Massa Carrara. Lo sportello è al lavoro su tutta l’area colpita dalla pioggia di ottobre ed aperto tutti i giorni dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 16,00.

Per chi non avesse ancora provveduto, entro il 24 novembre è inoltre necessario compilare e riconsegnare al proprio Comune anche i moduli per il censimento dei danni alluvionali. Li trovate in allegato a fondo pagina.

Un fondo per la promozione turistica

Se da una parte l’intenzione è di aiutare le aziende con provvedimenti concretamente rivolti a loro, dall’altra la Regione Toscana ha recentemente stanziato anche un fondo speciale per la promozione turistica della Lunigiana e dell’Isola d’Elba, affinché questo comparto così importante non rischi di restare bloccato. Nell’ambito della riunione della Cabina di regia per la programmazione turistica 2012 si è deciso di impiegare 100mila euro per la promozione del turismo di questi luoghi. I fondi saranno gestiti da Toscana Promozione, agenzia regionale che si occupa di guidare le imprese toscane sui mercati internazionali.

La moratoria sulle rate dei finanziamenti

Progetto parallelo e rivolto direttamente alle aziende quello approvato dal consorzio Artigiancredito Toscano. In aiuto delle imprese liguri, della Lunigiana e dell’Isola d’Elba ACT ha deliberato una moratoria per un massimo di 12 mesi nel rimborso delle rate dei finanziamenti garantiti dallo stesso  consorzio. Artigiancredito raccoglie i fidi regionali ed è promosso dalle associazioni di imprese Cna e Confartigianato e presta le proprie garanzie per i finanziamenti che le imprese ottengono dal sistema bancario.

Agnese Fedeli

Allegati

pdf deliberalunigiana.pdf
pdf SegnalazioniDanniAlleImprese.pdf
pdf Allegato.pdf

Condividi