Chianti d’Autunno 2011

Chianti d’Autunno 2011

Dieci giorni “a macchia d’olio” in otto comuni toscani per tutelare la tradizione produttiva toscana. La sesta edizione della rassegna va dal 4 al 13 novembre e mette in mostra nel Chianti fiorentino e senese i sapori tipici della cucina toscana, a partire dall’olio, insieme al passato e al futuro delle tecniche agricole dell’olivicoltura

Oltre 10mila chilometri quadrati in Toscana sono dedicati all’agricoltura: poco meno del 50% della superficie totale, che tocca i 23mila. Circa 80mila sono invece le aziende che lavorano nel mondo agricolo e rurale, un comparto che rappresenta innegabilmente una fetta importante dell’economia regionale. E’ dal presupposto di tutelare un settore da sempre strettamente legato alla tradizione produttiva toscana e chi ci lavora, che nasce “Chianti d’Autunno”.

Otto i Comuni coinvolti nell’evento, che prende il titolo quest’anno di “A macchia d’olio”: Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Radda in Chianti, San Casciano Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa, paesaggi delle dolci colline toscane disseminati tra il fiorentino e il senese. Tra il 4 e il 13 novembre dunque degustazioni di vino e olio “novo”, tavole rotonde e mostra mercato dei prodotti tipici. Protagonista indiscusso, l’olio dop “Chianti”, prodotto nel 2010 in 135 mila litri, dei quali il 60% esportati all’estero. Le piante iscritte alla Dop sono 412 mila, gli olvicoltori 246, i molitori 28 e gli imbottigliatori 90. Le previsioni sull’annata 2011 parlano di un calo produttivo stimabile fra il 30 e il 40%, dovuto alla siccità. Resta invariata la qualità eccellente dell’olio, che a livello regionale conta 15 milioni di piante, 50 mila aziende agricole, 400 frantoi e una produzione annua che varia fra i 170 e i 180 mila quintali di olio.

Tra gli eventi di maggiore interesse per gli addetti ai lavori e per chi con l’agricoltura ha creato o intende creare un percorso imprenditoriale troviamo:

  • La mostra mercato organizzata per l’intera giornata di sabato 5 novembre a Palazzo Torrigiani di Tavarnelle Val di Pesa dal titolo “Olio Sapiens. Storia, saperi e sapori dell’olio bono”. Degustazioni, workshop, attività informative, con il coinvolgimento di esperti e produttori, si mescolano a originali spazi ed eventi dedicati alla moda
  • Il convegno di sabato 12 novembre a Gaiole in Chianti (ore 9.30 – ex Cantine Ricasoli) dedicato al tema “L’olio e l’olivo nel Chianti. Una storia di valore, un legame da riscoprire. Gli impegni delle Istituzioni e degli Operatori per un futuro possibile”.

“Chianti d’Autunno 2011” è stato organizzato in collaborazione con la Banca del Chianti Fiorentino e Monteriggioni e con il sostegno delle Province di Firenze e Siena e della Regione Toscana.

Agnese Fedeli

Condividi