Accordo tra Regione Liguria e FormAzienda per la formazione continua dei lavoratori delle PMI

formazione, FormAzienda

Accordo tra Regione Liguria e FormAzienda per la formazione continua dei lavoratori delle PMI

L’accordo, siglato il 9 gennaio, mette a disposizione delle Piccole e Medie Imprese liguri 200 mila euro perla formazione continua dei lavoratori che rischiano di uscire dal mercato

Nei prossimi mesi le aziende potranno presentare progetti per la formazione dei propri occupati. I progetti saranno destinati a un centinaio di lavoratori a rischio di licenziamento. L’accordo è stato siglato, per la Regione, dall’assessore alla formazione e al bilancio Pippo Rossetti e, per FormAzienda (il Fondo paritetico interprofessionale nazionale per la formazione continua) il presidente Enrico Zucchi.

Con questo accordo ci si prefigge di razionalizzare le risorse per la formazione provenienti dai diversi fondi, sia europei che nazionali, evitando le sovrapposizioni per rispondere in modo coerente e puntuale ai reali bisogni delle imprese e dei lavoratori.
Come afferma l’assessore Rossetti, “obiettivo dell’accordo è quello di ridisegnare il sistema della formazione continua in Liguria coordinando soggetti, compiti e azioni per garantire un’offerta che sappia innalzare le competenze dei lavoratori e delle lavoratrici, promuovere l’innovazione e valorizzare le eccellenze sostenendo la permanenza sul mercato dei lavoratori a rischio di esclusione. E’ un modo per mettere in circolo sul territorio le risorse a disposizione dei fondi interprofessionali evitando azioni ripetute”.

Il presidente di FormAzienda precisa che si tratta del “secondo accordo siglato a livello nazionale, dopo la Lombardia. La Liguria si presenta come una regione pioniera nel gestire le risorse evitando le duplicazioni. Al momento ammontano a 1500 le aziende liguri che hanno aderito al fondo interprofessionale per un totale di circa 6000 dipendenti, su un totale di 32.000 aziende con dipendenti presenti in Liguria”.

Attualmente il 50% delle aziende liguri non risulta iscritta ai fondi interprofessionali, nonostante esse versino comunque il contributo dello 0,30% sullo  stipendio dei propri lavoratori a favore di un fondo nazionale per la formazione continua: “in pratica versano i soldi, ma non si pongono il problema del loro utilizzo a vantaggio della formazione specifica per i lavoratori” afferma l’assessore Rossetti.

Dal 2007 al 2010 sono stati circa 28mila i lavoratori che hanno beneficiato della formazione continua e circa 40 milioni i fondi stanziati tra risorse nazionali ed europee: si tratta di numerose iniziative (troppo spesso frammentate e in competizione) messe in atto dall’amministrazione pubblica come dai fondi interprofessionali. Con l’accordo del 9 gennaio si intende “ricondurre ad un quadro unitario le numerose iniziative di formazione per lavoratori occupati e  valorizzare le sinergie tra le diverse fonti di finanziamento in funzione di un’offerta formativa che sia più efficace”. Tutto ciò in accordo con le richieste dell’Unione Europea al fine di evitare l’omogeneizzazione dell’offerta formativa, che al contrario deve risultare sempre diversa per poter far fronte alle richieste delle imprese in ogni campo. In questo modo, tra l’altro, si coinvolgeranno molte più imprese nel progetto.

In relazione a FormAzienda, si informa che essa opera senza fini di lucro promuovendo e finanziando progetti formativi sia individuali che aziendali per lo sviluppo delle competenze dei dipendenti. Aderendo al Fondo, le imprese possono ricevere tali finanziamenti secondo due modalità: con il Conto Formazione Impresa e con il Conto Formazione di Sistema.

 

Conto Formazione Impresa

Il Conto Formazione Impresa è individuale, delle singole imprese aderenti, ed è costituito dal 70% degli accantonamenti accumulati sulla base dello 0,30% versato dall’impresa. Il restante 30% del gettito è oggetto di una perequazione a favore delle micro e piccole imprese e alimenta il Conto Formazione di Sistema.
Questo conto è prioritariamente a disposizione delle medie e delle grandi imprese (rispettivamente con un numero di dipendenti che va da 50 a 250 e con un numero di dipendenti che supera 250), che possono programmare percorsi formativi destinati ai propri dipendenti secondo i modi e e tempi che scelgono autonomamente.

Conto Formazione di Sistema

Il Conto Formazione di Sistema è un conto collettivo pensato per sostenere le micro e le piccole imprese (rispettivamente con meno di 10 dipendenti e con più di 10 fino a un massimo di 50 dipendenti) aderenti. Questo Conto utilizza il 100%  degli accantonamenti accumulati sulla base dello 0,30% versato dall’impresa e dal 30% del gettito del Conto Formazione Impresa per finanziare attività formative individuali, aziendali, interaziendali, territoriali e settoriali.

Le imprese liguri ancora non approfittano di questi fondi ma si spera che, con la firma dell’accordo stipulato con la Regione, esse presentino piani formativi rispondendo al bando che verrà pubblicato nelle prossime settimane.

Allegati

pdf BROCHURE-FORMAZIENDA.pdf

Condividi