Bando diretto alle Piccole e Medie Imprese per l’acquisizione di servizi qualificati

Por Creo

Bando diretto alle Piccole e Medie Imprese per l’acquisizione di servizi qualificati

Arrivano dalla Regione Toscana altri 10 milioni di euro per rendere le PMI del territorio più moderne e competitive. Si tratta della ripubblicazione di un vecchio bando del 2008 che è stato aggiornato e rifinanziato per il 2012

Ripubblicato con aggiornamenti, il bando prevede la concessione di aiuti diretti alle imprenditrici e agli imprenditori che vogliano investire in progetti innovativi immateriali, ovvero idee, creatività, competenze, capacità tecniche. L’aiuto è a fondo perduto e la scadenza è il 30 aprile 2012.

Possono accedere ai fondi le imprese piccole, medie e micro anche se di nuova costituzione o in forma associata.
Verranno finanziati  i servizi di consulenza, i servizi a supporto dell’innovazione, i servizi per personale altamente qualificato messo a disposizione da terzi (ad esempio da un ente di ricerca o da una grande azienda). Gli investimenti massimi finanziabili variano a seconda della grandezza dell’impresa richiedente. Si allega pertanto il bando completo con le modifiche apportate evidenziate, così come divulgato anche dalla Confindustria Toscana.

Il finanziamento minimo varia anch’esso a seconda dei casi, come segue

  • –    Microimpresa:        7.500 euro
  • –    Piccola impresa:     12.500 euro
  • –    Media impresa e Consorzi    20.000 euro
  • –    Consorzi e Raggruppamenti di Imprese    35.000 euro.

Obiettivo dell’iniziativa è quello “di contribuire a rendere più competitive le PMI toscane favorendone l’acquisizione di processi duraturi di cambiamento organizzativo e di innovazione di prodotto e di processo”. A dirlo è l’assessore alle attività produttive Gianfranco Simoncini, che spiega come fra le novità previste dalla ripubblicazione del bando ci sia anche “l’estensione alle imprese che aderiscono a contratti di rete. Un modo per favorire ancora di più quel processo di aggregazione fra imprese che, come Regione, consideriamo utile per irrobustire il nostro sistema produttivo spesso penalizzato dalla piccola dimensione”.

Questo bando permetterà alle PMI toscane di soddisfare le proprie esigenze di innovazione e riorganizzazione produttiva e commerciale, soprattutto permetterà loro di introdurre programmi innovativi in materia di sicurezza, ambiente, certificazioni: tutti servizi che oggigiorno sono vitali per la permanenza sul mercato. Inoltre, “grazie alle risorse previste per questo bando ci proponiamo anche di contribuire alla razionalizzazione e alla qualificazione dei servizi alle imprese, favorendone la crescita e la specializzazione” conclude l’assessore Simoncini.

Allegati

pdf bando-servizi-2012.pdf