Gli interventi della Regione Toscana su Lavoro e Sviluppo

Lavoro e sviluppo, Assessore Simoncini

Gli interventi della Regione Toscana su Lavoro e Sviluppo

I propositi della Regione sono quelli di ridare competitività alle Piccole e Medie Imprese,  accompagnarle fuori dalla crisi e “rilanciare su basi nuove e più solide lo sviluppo dell’apparato produttivo toscano”. Lo dice l’assessore alle attività produttive Gianfranco Simoncini alla Confindustria

Solo nel breve periodo che ci separa dall’inizio di quest’anno, la Regione ha messo a disposizione delle imprese 110 milioni per sostenerle nei processi di innovazione, per rafforzare la loro presenza sui mercati esteri e per favorirne l’accesso al credito. Per il sostegno dell’occupazione la giunta ha appena rifinanziato il fondo per oltre 9 milioni di euro.

“In questo momento di crisi la Regione Toscana ha messo al primo posto il sostegno all’apparato produttivo. Così, anche a fronte dei pesanti tagli che ha dovuto operare, non solo non abbiamo toccato le risorse destinate al lavoro e al sistema delle imprese ma siamo riusciti addirittura ad implementarle”. Così ha detto l’assessore Simoncini durante un incontro, tenutosi presso la Confindustria di Pistoia, per illustrare gli interventi che la Regione sta mettendo in campo quest’anno per sostenere i lavoratori delle imprese toscane.

In queste settimane partiranno alcuni bandi che hanno lo scopo di favorire l’occupazione, la ricerca, l’innovazione. Saranno diretti soprattutto alle PMI, delle quali si intende sostenere le eccellenze e spingere le aggregazioni.

Uno degli interventi principali è il Bando Unico per ricerca e sviluppo (bando che scadrà alle ore 17,00 del 15 marzo 2012 e che alleghiamo all’articolo) per finanziare le imprese che presenteranno progetti di eccellenza grazie a una disponibilità di 70 milioni di euro. Di questo importo, 20 milioni sono destinati alle imprese che si aggregheranno per presentare un progetto comune.

Un altro bando, da 10milioni e passa, è stato lanciato dalla Regione per il sostegno all’internazionalizzazione (in scadenza il 23 marzo: vedi nostro articolo  http://www.donnainaffari.it/home/finanziamenti/bandi-per-fondi-pubblici/621-bando-per-linternazionalizzazione-delle-aziende.html).

L’assessore ha inoltre informato che presto verrà riaperto anche il bando che prevede contributi in conto capitale destinati a coprire le aziende che investono allo scopo di innovarsi e divenire più competitive. Verranno finanziate le operazioni di acquisizione di altre aziende o rami di altre aziende, le fusioni, le costituzioni di consorzi di piccole o medie imprese, lo sviluppo di reti di impresa.

Appena partito anche il bando destinato alle PMI per permettere loro di acquisire servizi qualificati. Per il 2012 lo stanziamento sarà di oltre 10 milioni di euro (vedi nostro articolo http://www.donnainaffari.it/home/finanziamenti/bandi-per-fondi-pubblici/670-bando-diretto-alle-piccole-e-medie-imprese-per-lacquisizione-di-servizi-qualificati.html).

Per quanto riguarda l’occupazione, la giunta toscana ha approvato il finanziamento di varie misure anticrisi per il rilancio del mercato del lavoro e il contrasto della precarietà. Più di 9 milioni di euro saranno disponibili a questo scopo durante il 2012. Essi serviranno anzitutto per incentivare le aziende ad assumere donne di età superiore ai 30 anni ma anche giovani laureati, lavoratori in mobilità o prossimi alla pensione che hanno perduto il lavoro. Serviranno altresì a stabilizzare i lavoratori con contratto a tempo determinato e a trasformare i contratti a progetto in contratti a tempo (determinato o indeterminato).

 

Allegati

pdf Bando-Unico-ReS-2012.pdf

Condividi