Sicurezza sul lavoro. Patto tra Regione Toscana e Inail

sicurezza lavoro , firma

Sicurezza sul lavoro. Patto tra Regione Toscana e Inail

Al via corsi di formazione per 450mila euro. E un convegno sulla sicurezza sul lavoro previsto per il 29 marzo

120 corsi di formazione sui temi della sicurezza sul lavoro nel comparto dell’artigianato, finanziati da 450mila euro dalla Regione Toscana. I corsi sono rivolti a datori di lavoro, lavoratori autonomi e rappresentanti per la sicurezza all’interno delle aziende.

E’ quanto previsto da un protocollo siglato dall’Assessore al Diritto alla salute della Regione Toscana Daniela Scaramuccia, dal direttore Inail Toscana Bruno Adinolfi e dal rappresentate legale del Comitato paritetico regionale per l’artigianato (CPRA) Ciro Recce.

Il nuovo piano per la formazione alla sicurezza nei luoghi di lavoro arriva, come si legge nel protocollo d’intesa, anche in base ad una analisi dei dati Inail, dai quali emerge che gli infortuni sul lavoro accadono in numero maggiore nelle piccole e medie imprese rispetto alle grandi. Quest’ultima pianificazione formativa sui temi della sicurezza porta avanti un lavoro già attivo da alcuni anni: basti pensare che gli ultimi progetti dello stesso tipo, di durata biennale, hanno formato quasi 4000 tra datori di lavoro e lavoratori.

“La tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro è per la Regione Toscana uno degli obiettivi prioritari” ha detto l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia presentando l’accordo. “La piccola e micro impresa costituisce il 95% del tessuto produttivo della nostra regione. E in periodi di recessione come questo, le piccole imprese hanno difficoltà maggiori rispetto alle grandi aziende a investire risorse per la sicurezza e la salute. Da qui la scelta politica di sostenere la formazione per la sicurezza nell’artigianato. L’integrazione tra tutti i soggetti, assieme al coinvolgimento delle parti sociali, sindacali e dei datori di lavoro, è uno dei perni del sistema toscano di sicurezza e salute sul lavoro”.


Intervista audio all’Assessore Daniela Scaramuccia


I corsi, che saranno organizzati nei prossimi mesi e comunque entro il prossimo biennio in tutta la Toscana, sono coordinati dal Comitato paritetico regionale per l’artigianato, l’organismo per la gestione della sicurezza nato da un accordo interconfederale regionale.

I numeri

Il trend legato agli infortuni sul lavoro è in costante diminuzione da diversi anni: secondo dati definitivi Inail Toscana, nel 2010 quelli mortali sono stati 57, 12 in meno rispetto al 2009, quando ne sono accaduti 69. La flessione si registra anche nel 2011, ma l’Inail sta ancora elaborando i numeri definitivi.

Tra i fattori che hanno portato ad una diminuzione degli incidenti sul lavoro, la maggiore attenzione alla formazione, ma anche la diminuzione di ore lavorate in attività ad alto rischio, legata anche alla crisi economica e finanziaria. Le chiusura o lo smembramento delle imprese a causa della crisi ha dato vita ad uno scenario produttivo “polverizzato”, ad un folto numero di aziende con pochi, pochissimi dipendenti: imprese che, appunto per motivi numerici, hanno meno obblighi di legge sulla sicurezza, ma nelle quali c’è lo stesso bisogno di prevenzione agli infortuni. Motivo che ha portato alla scelta di fare corsi formativi anche ai lavoratori autonomi che, pur avendo pari tutele rispetto agli altri, non hanno obblighi in materia di formazione e che spesso risultano i meno consapevoli e informati dei rischi cui vanno incontro.

Il convegno del 29 marzo

Di questi temi tratterà anche un convegno organizzato da Confindustria, Inail, Federmanager e Fondirigenti per il prossimo 29 marzo a Castiglioncello in provincia di Livorno. Alla giornata di studio, intitolata “La sicurezza conviene sempre” (vedi il programma in allegato) partecipano rappresentanti degli enti locali e delle categorie economiche, ma anche docenti universitari che analizzeranno quali sono i costi della sicurezza e della non sicurezza, i modelli organizzativi più efficienti in materia di sicurezza sul lavoro, il tema della sicurezza come generatore di valore per l’impresa e il ruolo degli attori aziendali nel coltivare una sicurezza a lungo termine.

Agnese Fedeli

Allegati

pdf Pieghevole_Livorno.pdf

Condividi