Innovazione tecnologica: la Regione Toscana sostiene piccole e grandi aziende del territorio

Enrico Rossi Pres. Toscana foto di Toscananotizie

Innovazione tecnologica: la Regione Toscana sostiene piccole e grandi aziende del territorio

Firmato un protocollo d’intesa tra Nuovo Pignone General Electric, Università di Pisa e Firenze e laboratorio pubblico-privato Pont LabSono 2 milioni e 700milla euro, tra finanziamento pubblico e cofinanziamento privato, i fondi che serviranno a dare vigore a tre laboratori nati all’interno delle Università di Firenze e di Pisa e legati al settore della tecnologia ingegneristica.

Laboratori che saranno chiamati a consolidare l’attività di ricerca del Nuovo Pignone – storica realtà industriale toscana della metallurgia, acquisita negli anni ’90 da General Electric – e dall’altra a potenziare la filiera di studio del laboratorio di analisi pubblico-privato PontLab di Pontedera, in provincia di Pisa.
Sono i principi cardine di un protocollo d’intesa siglato da Regione Toscana, Università di Firenze e di Pisa, Nuovo Pignone e laboratorio PontLab: il principio alla base dell’accordo è l’integrazione tra realtà industriali e produttive e mondo universitario, con la facilitazione degli enti pubblici.
“Da parte della Regione c’è supporto e volontà di investire nel manifatturiero per consolidare la presenza della grande e della piccola impresa – ha detto il Presidente della Regione Enrico Rossi firmando l’accordo – Un punto che ci pare importante in tempi di crisi come quello che stiamo vivendo per consolidare l’occupazione”.

 


Ascolta Enrico Rossi, Presidente Regione Toscana


 

Il protocollo d’intesa rientra nell’ambito del Piano Regionale di Svilupoo 2011-2015 nel quale si prevede il sostegno a particolari progetti integrati ideati in partenariato con soggetti pubblici e privati del territorio. Le ricerche compiute nei laboratori finanziati grazie al recente accordo andranno a consolidare le attività del progetto “Atene: Advanced Technologies for ENergy Efficiency”.


Ascolta Massimo Messeri, Presidente Nuovo Pignone


“Siamo molto soddisfatti per questo protocollo” ha detto Massimo Messeri, Presidente del Nuovo Pignone, nel corso della firma. “Si tratta dell’avvio di una sinergia importante per la presenza sul territorio di laboratori di ricerca e non solo, e per innovare nel settore del petrolio e del gas”.

Agnese Fedeli



 

 

 

Condividi