Unicoop, un ciclo di seminari su “Genere e generazioni”

genere e generazioni.jpg

Unicoop, un ciclo di seminari su “Genere e generazioni”

Gli incontri sono ideati e coordinati da Lorella Zanardo, la giornalista di “Il corpo delle donne”. I prossimi a Viterbo (19 aprile) e Avellino (20 aprile). Evento conclusivo il 25 maggio a Livorno

Unicoop Tirreno organizza un ciclo di cinque seminari sul tema delle differenze di genere. Gli appuntamenti, che rientrano nelle iniziative ideate in occasione dell’anno internazionale delle cooperative, hanno il prestigioso coordinamento di Lorella Zanardo, la giornalista esperta in tematiche di pari oppotunità e differenze di genere e celebre per il suo libro e documentario “Il corpo delle donne”.

Cuore del percorso dei seminari dedicati a “Tra media e realtà” ideati e condotti dalla Zanardo sono anche argomenti quali la valorizzazione del rapporto tra generazioni nuove e quelle più mature o la solidarietà intergenerazionale come cooperazione che diventa forza nel fare impresa.

Dopo l’avvio a Viareggio (10 febbraio), i seminari si sono tenuti a Viterbo (16 marzo), Roma (in occasione della Giornata internazionale della donna, l’8 marzo), Livorno (30 marzo). I prossimi sono in programma per i giorni 19 aprile, quando l’incontro – rivolto a soci Unicoop e alle persone interessate – si ripeterà a Viterbo e per il 20 aprile ad Avellino. L’evento finale è fissato per il 25 maggio a Livorno. Si tratta di eventi organizzati con inserti divulgativi, formativi e multimediali sui temi della differenza di genere e dell’intergenerazionalità, andando ad analizzare la rappresentazione che della donna, degli uomini e del rapporto tra diverse generazioni si riscontra a livello mediatica e nella realtà quotidiana.

Nel corso del più recente seminario, il 30 marzo a Livorno, si è discusso anche di tematiche quali l’apporto delle donne all’economia e all’organizzazione sociale italiana e il ruolo della famiglia, dei media e della scuola nel diffondere immagini più o meno positive e veritiere del mondo giovanile. All’incontro livornese è intervenuto anche l’Assessore alle Pari Opportunità della Regione Toscana Salvatore Allocca.

Tra gli elementi utilizzati nei seminari, anche risorse multimediali, film o corti, spezzoni dei quali sono facilmente reperibili in rete. Alcuni titoli sono: “Mi piace lavorare” di Cristina Comencini, “Billy Elliot” di Stephen Daldry, i vari servizi che nei TG nazionali hanno recentemente parlato del Festival di Sanremo 2012, diverse raccolte di pubblicità in cui la donna appare in un certo modo. E ancora, “La famiglia” di Ettore Scola, “Speriamo che sia femmina” di Mario Monicelli o i più recenti “Le nevi del Kilimangiaro” di Robert Guediguain e “17 ragazze” di Delphine e Muriel Coulin, 2012.

Agnese Fedeli

 

Condividi