Il pensiero femminile: l’ingrediente giusto per uscire dalla crisi

venezia

Il pensiero femminile: l’ingrediente giusto per uscire dalla crisi

Due incontri organizzati a Venezia dalla Consulta delle Cittadine per analizzare l’importanza del punto di vista delle donne sull’andamento economico

“Crisi economica e pensiero femminile” e “Pratiche virtuose di donne in tempi di crisi” sono i titoli di due incontri pubblici in programma rispettivamente per venerdì 18 e per mercoledì 23 maggio a Venezia e organizzati dalla Consulta delle Cittadine dell’amministrazione lagunare.

Insieme alle altre Consulte, anche quella delle Cittadine è un organismo di partecipazione popolare previsto dallo statuto del Comune di Venezia e nasce per favorire il coordinamento tra le associazioni di volontariato e di interesse iscritte all’Albo comunale.
Due occasioni di riflessione, dunque, nel corso delle quali associazioni femminili e gruppi di rappresentanza delle donne a livello locale e nazionale si confronteranno su esperienze politiche, culturali ed economiche.

Primo appuntamento venerdì 18 maggio, alle 17, all’istituto di cultura Laurentianum di Mestre, nella centrale piazza Ferretto. L’incontro è dedicato a “Crisi economica e pensiero femminile”. Relatori saranno gli economisti Annamaria Simonazzi – docente di Economia politica alla Sapienza di Roma e vicina alle questioni femminili, autrice, tra l’altro, di “Price and Prejudice. The statics and dynamics of money-wage flexibility” – ed Enzo Rullani, docente di Economia della Conoscenza e di Strategie di impresa alla Venice International University.

Si discuterà invece di “Pratiche virtuose di donne in tempi di crisi”, nell’incontro successivo, in calendario per mercoledì 23 maggio nella Sala del Consiglio del Comune di Venezia a Ca’Farsetti dalle 17.00. Interverranno Annarosa Buttarelli, docente di Filosofia della storia all’Università di Verona, e Raffaella Lamberti, punto di riferimento del Centro di documentazione delle donne di Bologna.

venezia

Il punto di partenza dei due incontri sarà la ricerca di pratiche economiche e sociali che siano rivolte in prima battuta alla tutela delle donne e della famiglia, in un contesto in cui le politiche di contenimento della spesa pubblica diffuse a livello sovranazionale si ripercuotono negativamente sull’economia reale e sull’occupazione.

Agnese Fedeli

 

Condividi