Aeroporto FVG SpA: solo una donna nonostante la legge

Commiss PO FVG

Aeroporto FVG SpA: solo una donna nonostante la legge

La Commissione regionale per le pari opportunità tra uomo e donna del Friuli Venezia Giulia, chiamata ad esprimere un parere sulla conferma di Sergio Dressi alla presidenza della Società friulana Aeroporto FVG, si è astenuta, pur mostrando la propria contrarietà

La Commissione ha dichiarato che attualmente in questo Consiglio di Amministrazione c’è solo una donna, contrariamente a quanto stabilito dalla Legge 120/2011 sulla parità di accesso agli organi di amministrazione e di controllo delle società.

Una dichiarazione che fa riferimento non solo alla Legge 120/2011 sulla parità di accesso agli organi di amministrazione e controllo delle società quotate nei mercati regolamentati e alla legge sulla partecipazione della Regione FVG a società di capitali, pubblicata il 9 maggio sul Bollettino Ufficiale Regionale, ma anche all’articolo 51 della Costituzione Italiana,  che prevede che tutti i cittadini – a prescindere dal genere sessuale di appartenenza – possano accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di uguaglianza. Proprio per questo motivo la Costituzione stessa impone di promuovere le pari opportunità fra uomini e donne con appositi provvedimenti.

“Non abbiamo alcun dubbio sulla preparazione professionale di moltissime donne che potrebbero essere utilmente inserite in qualsiasi Ente o Consiglio, ma per la politica – sia nazionale che regionale – sembra che i nomi al femminile non esistano, oppure che siano un optional da usare solo in casi particolarissimi. Si può solo rilevare che, considerati gli esiti di una politica tutta al maschile, sarebbe opportuno e consigliabile che all’interno di qualsiasi CdA fossero introdotte la sensibilità e la scrupolosità che contraddistinguono il genere femminile”. Questo è stato uno degli argomenti espressi durante l’audizione.

La Commissione per le pari opportunità ha rilevato che la mancata attenzione per la presenza femminile si riscontra da sempre per le nomine negli enti e per altri incarichi, “quasi che le donne fossero una specie di riserva della politica da usare in casi di particolare necessità o convenienza politica”.
In quanto organo consultivo del Consiglio e della Giunta regionali, la Commissione non ha peso di voto ed è per questo motivo che non ha potuto che astenersi, ma allo stesso tempo essa ha chiesto con forza che venisse introdotto l’obbligo di garantire le pari opportunità di genere in tutte le nomine della Regione, auspicando che, a prescindere dalla conferma o meno del presidente di Aeroporto FVG SpA, per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione della società, “si tengano nella dovuta considerazione le osservazioni esposte”.

 

Condividi