Valle d’Aosta: Iniziative per l’occupazione giovanile

AMVA logo

Valle d’Aosta: Iniziative per l’occupazione giovanile

La Regione ha previsto una serie di azioni per favorire l’occupabilità dei giovani, rilanciare i mestieri e incentivare le assunzioni. L’iniziativa è promossa dal Ministero del Lavoro

Le aziende che occupano giovani con contratto di apprendistato riceveranno un contributo di 4.700 euro ad apprendista; i giovani che avviano una loro impresa riceveranno un contributo di 10mila euro; le “botteghe” che prendono tirocinanti riceveranno un contributo mensile di 500 euro. I contributi possono essere richiesti fino al 31 dicembre 2012.

Si tratta di alcune delle iniziative messe in atto dalla Regione Valle d’Aosta per contrastare l’incremento della disoccupazione e che seguono le politiche attuate a partire dal Nuovo Piano di Politica del Lavoro 2012-2014, che prevede azioni per aumentare il numero di assunzioni a tempo indeterminato, azioni di sostegno al lavoro precario, di formazione o a supporto dell’avvio del contratto di apprendistato.

Oltre al Piano, la Valle d’Aosta, tramite il Dipartimento regionale per le politiche del lavoro e della formazione, ha aderito anche al Programma AMVA (Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale), promosso dal Ministero del Lavoro, aprendo già gli sportelli informativi presso il Centro Orientamento dei centri regionali per l’impiego.
Il Programma AMVA, attuato da Italia Lavoro, prevede le seguenti azioni:

  • 1) La concessione di un contributo alle imprese di 4mila 700 euro per ogni giovane dai 17 ai 29 anni assunto con contratto d’Apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualifica professionale.
  • 2) La sperimentazione di un modello Botteghe di mestiere operante nei comparti produttivi propri della tradizione italiana che prevede l’attivazione di tirocini semestrali per la formazione on the job per giovani disoccupati/inoccupati (3 cicli della durata di 6 mesi, con 10 tirocinanti in ogni ciclo); i contributi sono pari a 500 euro mensili per ogni tirocinante e 2 mila 500 euro mensili (ogni 10 tirocinanti) per ogni bottega.
  • 3) Un contributo di 10 mila euro per 500 giovani interessati ad avviare nuove imprese nei comparti produttivi propri della tradizione italiana.

Per quanto riguarda la Valle d’Aosta, le aziende e i giovani interessati a richiedere i contributi possono recarsi pertanto al Centro Orientamento di Via Colonnello Alessi 4 ad Aosta (previo appuntamento preso con telefonata allo 0165.271335); in ogni caso il programma AMVA, del quale riportiamo in fondo all’articolo il materiale informativo e il bando, è di livello nazionale, il che significa che è aperto a tutti i giovani italiani.
Per esempio, gli aspiranti tirocinanti possono partecipare alle attività di “Bottega di Mestiere” mandando una domanda telematica a Italia Lavoro in alcuni periodi precisi:

  • a partire dalle ore 10,00 del  20/09/2012 e non oltre le ore 12,00 del 30/10/2012
  • a partire dalle ore 10,00 del 18/03/2013 e non oltre le ore 12,00 del 26/04/2013
  • a partire dalle ore 10,00 del 14/10/2013 e non oltre le ore 12,00 del 22/11/2013

Per saperne di più

In generale il programma AMVA, che sarà operativo fino al 31 dicembre 2014, si realizza attraverso due grandi linee di intervento:
un’azione di sistema, che prevede di rafforzare la cooperazione tra Stato, Regioni, Servizi per il lavoro, Associazioni di Categoria e Imprese sui temi dell’apprendistato, delle Botteghe di Mestiere e la Creazione di Nuova Impresa con particolare riferimento a comparti produttivi propri della tradizione italiana;
una sperimentazione operativa, all’interno della quale saranno promossi dispositivi, modalità operative e strumenti per favorire la formazione on the job, l’inserimento occupazionale in sinergia con la Rete di attori costituita proprio grazie all’azione di sistema.

Nell’ambito della linea di intervento “sperimentazione operativa” sono previste tre attività, secondo quanto spiega Italia Lavoro:

1. Intervento per la promozione del contratto di apprendistato

Tale azione è finalizzata alla promozione e diffusione di un uso più incisivo di dispositivi e strumenti volti a favorire l’inserimento occupazionale di giovani da 15 a 29 anni.
Per le aziende che assumeranno giovani con contratto di apprendistato sono previsti:
5.500 euro di contributo per ogni giovane, che abbia compiuto quindici anni e fino al venticinquesimo anno di età, assunto con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale (in tutti i settori di attività);
4.700 euro di contributo per ogni giovane di età compresa tra i diciassette e i ventinove anni, assunto con contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere (in tutti i settori di attività).

2. Sperimentazione di un modello per formare giovani all’interno di “botteghe di mestiere”

Strutture impegnate nei comparti produttivi propri della tradizione italiana individuate mediante un avviso pubblico (110 “botteghe dei mestieri” in altrettante province).
Per questo tipo di azione sono previsti i seguenti incentivi:
2.500 euro mensili per ogni bottega di mestiere in cui 30 giovani disoccupati svolgono un tirocinio semestrale per la formazione on the job;
500 euro mensili per 3.300 giovani ( 30 per le 110 province) inseriti nelle botteghe che beneficeranno di un periodo (6 mesi) di formazione lavoro in azienda.

3. Creazione nuove imprese

Sviluppo e gestione di un sistema sperimentale di contributi finalizzati alla creazione di nuova imprenditoria da parte di giovani con attitudine imprenditoriale.
Per questo tipo di azione sono previsti i seguenti incentivi:
10.000 euro per 500 giovani interessati a promuovere nuove imprese nei comparti produttivi propri della tradizione italiana.

 

Allegati

pdf Presentazione-programma-AMVA.pdf
pdf Apprendistato-AMVA.pdf
pdf Bando-AMVA-Apprendistato.pdf
pdf Bando-AMVA-Botteghedimestiere.pdf