Toscana: bando per i giovani imprenditori nel commercio e nel turismo

Toscana: bando per i giovani imprenditori nel commercio e nel turismo

 

Per aiutare i giovani a fare impresa nei settori del commercio e del turismo sono stati stanziati dalla Regione Toscana 1,735 milioni di euro. Il bando è diretto alle future imprenditrici e imprenditori di età tra i 18 e i 40 anni

Si può partecipare presentando un progetto per l’avvio di una nuova attività o per la crescita di una già esistente. Il bando sarà aperto il 1 settembre 2012 e la scadenza sarà il 30 settembre 2012.

Si tratta di quattro diverse linee di intervento per seguire i ragazzi dallo sviluppo dell’idea fino alla sua realizzazione attraverso l’erogazione di aiuti diretti o finanziamenti a tasso zero. Si tratta infatti di un bando integrato, dal titolo “Giovani turismo & commercio”, realizzato in stretta collaborazione con il Progetto Giovanisì per l’autonomia dei giovani.

Queste le linee di intervento:
•    Linea di intervento 1.3 c) POR CReO 2007/2013 – Acquisto servizi qualificati- turismo e settore terziario;
•    Linea di intervento 1.3 e) POR CReO 2007/2013 – Innovazione settore terziario e servizi- turismo e commercio;
•    Azione 4.1.2 del PAR FAS – Sostenibilità e competitività dell’offerta turistica e commerciale- Sostegno alle imprese del turismo e del commercio;
•    Linea 1.5.d) POR CReO 2007/2013 – Sostegno a programmi integrati di investimento per ricerca industriale e innovazione diretti a favorire processi di aggregazione delle imprese, attraverso forme di alleanza strategica su specifici progetti, la creazione di reti e altre forme di cooperazione a livello nazionale.

L’obiettivo è aiutare le giovani imprenditrici e i giovani imprenditori ad avviare o rafforzare un’attività offrendo loro consulenza in materia di certificazione, ad acquistare strumenti tecnologicamente avanzati e ad attuare progetti innovativi.

Spiega l’assessora alla cultura, turismo e commercio Cristina Scaletti: “con questa integrazione vogliamo incentivare i ragazzi toscani ad investire in ricerca e sviluppo: un intervento mirato per dare speranza ai giovani di talento e contrastare la disoccupazione giovanile, ormai oltre i livelli di guardia. Non è con le promesse o le belle parole che si dà in futuro a questo paese, ma è investendo sulle idee e sulla creatività”.

In particolare, le agevolazioni sono le seguenti:
•    1.3 c) POR CReO   AIUTO DIRETTO nella misura del 50% della spesa complessivamente prevista.
•    1.3 e) POR CReO   AIUTO DIRETTO così strutturato: contributo in conto impianti nella misura max del 25% per le medie imprese e del 35% per le piccole e micro. Nel caso di CCN, l’aiuto è del 50%. Per raggruppamenti di imprese, il beneficio viene riconosciuto a ciascuna singola impresa partecipante.
•    Azione 4.1.2 del PAR FAS   FINANZIAMENTO A TASSO ZERO fino al 75% dell’investimento ammissibile, nel limite massimo di 80.000,00 € per le imprese commerciali, e fino al 40% dell’investimento ammissibile, con limite a 200.000,00 € per le imprese turistiche. Piano di rientro in 7 anni, a rate semestrali posticipate, con due semestralità di pre-mmortamento aggiuntive al rientro stabilito.
•    Linea 1.5 d) POR CReO   AIUTO DIRETTO alle imprese nella misura max dell’80% per le attività di ricerca (ricerca industriale) e nella misura max del 60% per quelle di sperimentazione (sviluppo sperimentale).

Le spese ammissibili sono:
•    1.3 c) Servizi di consulenza in materia di certificazione avanzata, giustificati in termini di giornate di consulenza. I fornitori di prestazioni di consulenza devono soddisfare requisiti professionali specificati nel bando. Gli IMPORTI MASSIMI DI SPESA previsti sono: 20.000,00 € per ISO 14001, ISO 9000, OHSAS 18001, EMAS; 15.000,00 € per SA 8000 ed Ecolabel.
•    1.3 e) Interventi innovativi intesi come operazioni che dotano l’impresa di un sistema di gestione e/o organizzazione di natura AVANZATA. Si comprendono sia l’acquisizione di strumentazioni tecnologiche di elevata complessità, sia l’attuazione di specifici progetti innovativi. Personale (tecnici, ricercatori, ecc); strumenti; fabbricati nella misura in cui sono utilizzati per il progetto; costi dell’innovazione contrattuale, competenze tecniche e brevetti, spese generali (max 10% del totale ammissibile)
SOGLIE MINIME E MASSIME: non possono essere ammessi all’agevolazione investimenti inferiori a 50.000,00 € e superiori a 1.000.000,00 €.
•    4.1.2 Ampliamento e ristrutturazione immobili funzionali all’attività di impresa; installazione, riqualificazione, potenziamento apparati sicurezza; miglioramento, ammodernamento, adeguamento strutture; progettazione e direzione lavori (in misura non superiore al 10% dell’investimento complessivo ammissibile). Acquisto materiale usato ammesso se soddisfatte tre condizioni. SOGLIE MINIME: Investimenti di importo minimo, al netto di imposte ed altri oneri, pari a 20.00,00 € per le imprese commerciali e 70.000,00 € per quelle turistiche.
•    1.5 d) aiuto alla Ricerca Sviluppo e Innovazione. Cofinanziamento regionale nella forma di un contributo in conto capitale.
SOGLIA MINIMA: Non saranno ammessi progetti di R&S, il cui costo totale sia inferiore a 50.000,00 €.
Contributo massimo per progetto: -Non saranno ammessi progetti di R&S, il cui contributo totale sia superiore a 150.000,00 €

Le domande di aiuto potranno essere presentate a partire dalle ore 12,00 del 1° settembre fino alle ore 12,00 del 30 settembre 2012, esclusivamente on line tramite il sito sviluppo.toscana.it/bandogiovaniturismocommercio.
Ulteriori informazioni possono essere richieste mediate e-mail a assistenzagiovani@sviluppo.toscana.it mentre, per avere un supporto per la presentazione informatica della domanda si può scrivere a supportogiovani@sviluppo.toscana.it.