Workshop sulla riproduzione asessuata delle specie vegetali

Ricercatori-Apomissia-Perugia

Workshop sulla riproduzione asessuata delle specie vegetali

Si terrà il 17 e il 18 settembre a Perugia il workshop sull’apomissia, la riproduzione asessuata che, applicata ai vegetali, potrebbe portare a grandi vantaggi economici e produttivi

Si tratta di un sistema di coltura delle piante rivoluzionario. La ricerca internazionale al riguardo è stata guidata dall’Università degli studi di Perugia. I ricercatori europei che studiano il sistema riproduttivo delle piante e tutti coloro che studiano l’apomissia in particolare si sono uniti nella Cost Action “Harnessing plant reproduction for Crop Improvement – HAPRECI”,

Dott. Albertinifinanziata dalla Comunità Europea e coordinata dall’Università di Perugia, nella figura del dott. Emidio Albertini.
L’apomissia è la capacità delle piante di riprodursi in assenza di meiosi (divisione del nucleo delle cellule germinali) e di fecondazione, la cui introduzione consentirebbe “la fissazione immediata del genotipo delle piante migliori, ridurrebbe i tempi e i costi della selezione e farebbe aumentare enormemente i benefici economici delle colture”. Per questa ragione, essendo stato stimato che l’impiego di tale forma di coltura renderebbe possibile la produzione, ad esempio, di riso ibrido generando benefici economici per 1,8 miliardi di euro l’anno, lo studio dell’apomissia sta interessando sempre più scienziati e imprenditori.
In particolare, il progetto di ricerca HAPRECI ha raggruppato ben 135 ricercatori di 45 diversi centri di ricerca, nonché 4 aziende, di 22 nazioni europee e 5 non europee (USA, Nuova Zelanda, Australia, Argentina, Messico).

Lo scorso mese di luglio si è svolto in Portogallo il convegno annuale, cui hanno partecipato 98 scienziati che hanno posto le basi per un workshop specifico che si terrà, come indicato nel titolo, a Perugia il 17 e 18 settembre 2012, in occasione del 56° Convegno annuale di Genetica agraria che raggrupperà il gotha degli scienziati coinvolti nello studio di questo promettente sistema riproduttivo.

 

Condividi