La Toscana contro il caro benzina

Firma accordo risparmio carburanti Toscana

La Toscana contro il caro benzina

L’impegno della Regione per tenere basso e ridurre ove possibile il prezzo dei carburanti sul mercato toscano porta all’aggregazione dei gestori e alla nascita di un’applicazione per smartphone, tablet e PC

Un impegno iniziato con la cancellazione a partire dal 1° ottobre 2012 l’accisa di 5 centesimi e con l’accordo preso con la grande distribuzione per diffondere le cosiddette pompe bianche (quelle dei distributori indipendenti, dette così perché senza marchio) che offrono prezzi più bassi rispetto ai grandi distributori.

Di tali pompe è stata fatta una mappa e sul sito pompe bianche.net si possono indicare tutte quelle presenti in Italia. Ecco la mappa di quelle toscane:

mappa pompe bianche Toscana

Il passo ulteriore che la Regione ha appena compiuto in questo processo di abbassamento dei prezzi del carburante, è un accordo con i rappresentanti dei gestori dei distributori per favorire aggregazioni di imprese e il riscatto dell’impianto da parte del gestore.
Il Presidente della Regione, Enrico Rossi, ha spiegato che “favorire, attraverso la messa a disposizione di fondi di garanzia, la possibilità per i gestori di riscattare le pompe di benzina e di affrancarsi così dalle compagnie petrolifere, serve sia ad aiutare i lavoratori del settore che desiderano mettersi in proprio, sia ad abbassare il prezzo del carburante. Il gestore, divenuto autonomo, potrà infatti scegliere i suoi fornitori e non avrà quantitativi e prezzi imposti. Oltre al riscatto, favoriremo l’associazionismo tra gestori e incentiveremo la distribuzione, nei market degli impianti, di prodotti della filiera toscana. L’obiettivo è insomma quello di abbattere il prezzo dei carburanti grazie a concorrenza, economie di scala e fonti di reddito alternative”.

 

Il Protocollo d’intesa

Firma accordo risparmio carburanti Toscana

Il protocollo firmato da Regione, Faib Confesercenti, Figisc Confcommercio e Figica Cisl intende:

  • – favorire l’aggregazione dei gestori in Toscana e il loro riscatto dell’impianto con l’obiettivo di favorire economie di scala, aumentare la loro capacità di acquisto all’ingrosso dei carburanti e ottenere, alla fine, un prezzo finale più basso per gli utenti toscani;
  • – rendere più trasparenti i prezzi applicati dai singoli gestori e diffondere il più possibile la loro conoscenza, anche attraverso un applicativo appositamente predisposto utilizzabile su computer e smartphone.

L’idea dell’applicazione, spiega il Presidente Rossi, nasce dalla volontà di avere prezzi trasparenti per consentire ai cittadini la massima possibilità di scelta: “per questo la Regione ha creato un’applicazione per computer e smartphone che indica i distributori più vicini ed evidenzia quello con il prezzo più basso. Sarà gratuita, valida per tutto il territorio toscano e i dati saranno affidabili perché aggiornati direttamente dai gestori”.

Entrambe le iniziative sono rese possibili grazie alle novità introdotte a livello nazionale nell’ambito del processo di liberalizzazione, ovvero: la possibilità di vendita di carburanti non in esclusiva; la possibilità per i gestori di aggregarsi; la possibilità di riscattare l’impianto in ogni momento; la possibilità di vendita di ogni genere di prodotto all’interno degli impianti.

L’Applicazione “Prezzi dei carburanti”

L’applicazione per smartphone, tablet e PC sarà scaricabile gratuitamente ed ha lo scopo di aiutare il cittadino ad individuare il distributore con il prezzo del carburante più basso, in qualsiasi zona della Toscana,  indicando la distanza dell’impianto dal punto in cui l’utente si trova ed il prezzo praticato e mettendo ai primi posti i distributori con le tariffe migliori.

Ecco le istruzioni d’uso fornite dalla Regione:

Per PC

da PC si potrà accedere al sito della Regione Toscana, collegarsi all’applicazione e digitare l’indirizzo del luogo per il quale effettuare la ricerca. Sarà visualizzata la mappa dei distributori vicini, con ai primi posti quelli più convenienti.
Cliccando su uno dei distributori trovati verrà visualizzato il dettaglio di tutti i prezzi dell’impianto, la data del loro aggiornamento ed altre informazioni aggiuntive (come ad esempio la presenza di lavaggio, market, ecc).

Per Smartphone

Il cittadino che possiede uno smartphone, invece, potrà scaricare l’applicazione  gratuita appositamente creata da Regione Toscana per iphone e per gli smarphone con sistema operativo Android. In questo caso non sarà necessario digitare nessun indirizzo perchè tramite il GPS del telefono sarà automaticamente rilevata la posizione dell’utente e gli saranno mostrati i benzinai nelle vicinanze.

La principale differenza tra questa applicazione ed altre simili esistenti è che il monitoraggio dei prezzi della benzina non è affidato alla buona volontà degli utenti ma fatto direttamente ed in tempo reale dai gestori, coinvolti tramite l’accordo con le associazioni di categoria appena firmato.
Il rilascio ufficiale del sistema è previsto entro ottobre, anche se esso è già disponibile in versione test.

Condividi