Nuove regole sull’etichettatura e la presentazione dei vini

Scaffali vini

Nuove regole sull’etichettatura e la presentazione dei vini

È ora operativo il Decreto emanato dal Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali in data 13 agosto che recepisce le disposizioni CE relative all’etichettatura e alla presentazione di prodotti del settore vitivinicolo DOP, IGP e tradizionali

Si tratta di un’importante opera di semplificazione e ricodificazione delle norme nazionali precedenti in quanto, grazie a questo Decreto, viene realizzato un Testo Unico.

In particolare, la nuova normativa (il cui testo è allegato in fondo all’articolo) modifica la normativa semplificandola ed eliminando alcuni vincoli dichiarativo a carico dei produttori; vengono eliminati i vincoli più restrittivi in merito ai recipienti e alle tappature dei vini DOCG, DOC e IGT (stando attenti comunque alla salvaguardia dell’immagine dei DOCG) e in merito al confezionamento, soprattutto dei vini DOC.
Inoltre,vengono aggiornate le disposizioni sui contenitori non di vetro per i vini DOC e si attuano delle misure di liberalizzazione per affrontare il mercato estero, ad esempio si permette l’uso del tappo a vite, molto più richiesto, ma si salva l’uso di quello classico di sughero per le produzioni più qualificate.

Spiega il Ministro Catania: “le novità contenute nel nuovo decreto sull’etichettatura e presentazione dei vini DOP e IGP e altri prodotti vitivinicoli, sono, ancora una volta, una dimostrazione del lavoro attento e continuo che il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali svolge nei riguardi dei produttori, degli operatori e di tutti gli attori della filiera vitivinicola. L’adozione delle disposizioni normative, volte a tutelare le nostre produzioni, è una misura indispensabile per proteggere le nostre eccellenze nel modo adeguato”.

Con la pubblicazione in GU, dal 29 agosto è pertanto in vigore questo nuovo Testo Unico delle disposizioni nazionali in materia di “etichettatura e presentazione dei vini DOP e IGP e altri prodotti vitivinicoli” che reca le disposizioni nazionali attuative del Regolamento  (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del  regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della Commissione e  del decreto legislativo n. 61/2010 e tiene conto degli aggiornamenti apportati dal quadro di riferimento nazionale. Lo alleghiamo all’articolo.

 

Condividi