Sicurezza nello sport: Guinness primati tennis battuto

Mauro Rossato

Guinness primati tennis battuto

La Fondazione Andrea Rossato e il Tennis Club Mestre sono riusciti nel loro intento: grazie all’esibizione di 72 atleti che hanno giocato per 10 ore senza abbandonare il campo, è stato battuto il Guinness dei Primati per il maggior numero di giocatori in una partita di tennis

Sport e beneficenza, un binomio che è stato utile per dare lo sprint agli instancabili giocatori – il più giovane di 8 anni, il più anziano di 76 – che si sono succeduti nella staffetta di doppi senza pause nonostante la pioggia del 1 settembre.

Il Grand Prix di Tennis è riuscito a superare il precedente record di 58 giocatori, con 76 atleti suddivisi in due squadre, una rossa e una blu, sempre presenti sul campo durante tutte le 10 ore della sfida, davanti al notaio che ha testimoniato e certificato tutta la documentazione relativa all’incontro a partire dal filmato dell’intero match.

Le attestazioni ufficiali della sfida sono state inviate a Londra, dove ha sede la Guinness World Records, per la convalida definitiva ma nel frattempo è già stato decretato il raggiungimento del record.
Per la cronaca, comunichiamo che a vincere è stata la squadra rossa con il punteggio di 11 a 7.

Alla cerimonia di premiazione è seguita la cena di beneficenza a conclusione di una giornata dedicata allo sport giovanile, all’educazione e alla sicurezza dei ragazzi. Tra l’altro si sono svolti in contemporanea anche altre partite per chi non partecipava direttamente al Grand Prix: tornei di doppio misto; tornei di calcetto (calcio a 5), di ping pong e persino una gara per la torta più buona!

Ricordiamo che l’obiettivo della manifestazione sportiva era quello di raccogliere proventi da devolvere al progetto “Uno sport per tutti” che consentirà ai bambini in difficoltà economiche di praticare un’attività sportiva.

Andrea Ferrazzi , Ass Politiche educative comune Venezia Le personalità presenti hanno sostenuto con entusiasmo tutti i partecipanti. Citiamo tra di esse: Sandro Simionato, vicesindaco del Comune di Venezia; Andrea Ferrazzi e Carla Rey, rispettivamente assessore allo sport e al commercio del Comune di Venezia; Raffaele Speranzon, assessore allo sport della Provincia di Venezia; Giovanni Milan vice presidente della FIT; Roberto Pea, presidente del TC Mestre; Gianfranco Formentin, vice presidente del Coni provinciale e Giorgio Chinellato, presidente del Panathlon di Mestre.
Il progetto è stato realizzato con la collaborazione della Diocesi di Venzia.

 

Condividi