Aiuti de Minimis. Approvato dal FVG il nuovo Regolamento

mappa-friuli-venezia-giulia

Aiuti de Minimis. Approvato dal FVG il nuovo Regolamento

La Regione Friuli Venezia Giulia ha approvato il nuovo Regolamento sulle modalità di finanziamento dei progetti delle imprese che operano nei settori in crisi

Con questo provvedimento si dà attuazione alla parte di legge regionale dell’accesso al credito relativa agli aiuti de minimis. Sono stati stanziati i fondi per le Camere di Commercio che dovranno pubblicare i relativi bandi entro i primi mesi del 2013.

La proposta del provvedimento approvato dalla Giunta regionale è partita dall’assessora alle attività produttive Federica Seganti, che dichiara: “l’obiettivo è incoraggiare interventi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale, innovazione di prodotto e di processo, internazionalizzazione e sviluppo di reti
distributive, ma anche lo sviluppo di contratti di rete di imprese e di altre forme di aggregazione finalizzate alla promozione del prodotto, alla commercializzazione e all’internazionalizzazione”.

L’articolo 14 della Legge Regionale prevede la concessione di 2 milioni di euro alla Camera di Commercio di Udine e di 2 milioni di euro a quella di Pordenone per sostenere l’attuazione di progetti finalizzati all’innovazione delle imprese e per offrire loro occasioni di contatto, informazione e reciproco scambio di conoscenze.

Ente gestore saranno dunque le Camere di Commercio, che dovranno emettere i bandi per la presentazione delle domande di contributo. Le aziende potranno presentare tali domande di aiuto, in relazione ai propri progetti, entro i primi mesi del 2013.
Il Regolamento stabilisce per il futuro che ogni anno, entro il primo marzo, le Camere di Commercio pubblichino i bandi relativi agli aiuti destinati alle imprese dei settori produttivi in crisi.
I contributi verranno concessi in base alle condizioni stabilite dalle normative europee sugli aiuti de minimis. Per una sintesi di tale normativa vi invitiamo a consultare il sito dell’Unione Europea, che ne prevede la spiegazione anche in lingua italiana: http://europa.eu/legislation_summaries/competition/state_aid/l26121_it.htm.

 

Condividi