Ricercatrice perugina vince borsa di studio da 30mila euro

Ricercatrice perugina vince borsa di studio da 30mila euro

 

È una donna ad aver vinto la borsa di studio offerta dalla Beat-Leukemia Onlus grazie al progetto di ricerca presentato: “Utilizzo delle tecnologie del genoma per la costruzione di nuovi approcci di diagnosi personalizzata della Leucemia Acuta Linfoblastica”

La borsa di studio del valore di 30mila euro è stata conferita in occasinoe del Convegno nazionale della Società Italiana di Ematologia Sperimentale che si è svolto a Roma nella seconda metà di ottobre.

Il progetto di ricerca proposto dalla dottoressa Lucia Brandimante, biologa che opera nel laboratorio di Citogenetica e genetica molecolare dell’Università degli Studi di Perugia, coordinato dalla professoressa Cristina Mecucci, verrà finanziato interamente dall’associazione nota a livello globale Beat-Leukemia onlus fondata da un giovane colpito da leucemia.

Il comitato scientifico che ha scelto il progetto della dottoressa Brandimante, dell’Ateneo di Perugia, ha voluto premiare “l’elevato valore per innovatività e originalità nel creare nuove prospettive di diagnosi e cura per i pazienti leucemici”.

Il progetto vincitore della borsa di studio è rappresentativo dell’attività di ricerca sulla genomica dei tumori che da anni caratterizza l’attività di ricerca del laboratorio diretto dalla professoressa Mecucci.