Diritto delle società e governo societario in Europa

Michel Barnier

Diritto delle società e governo societario in Europa

La Commissione Europea ha adottato un piano d’azione per renderli attuali e in grado di assicurare la competitività e la sostenibilità delle società

Poiché dalle analisi e dalle consultazioni svolte negli ultimi due anni è emersa la necessità di elaborare una normativa moderna, la CE ha individuato alcune linee d’azione fondamentali che permetteranno di fare molti progressi favorendo l’impegno a lungo termine degli azionisti e semplificando le operazioni transfrontaliere delle imprese europee.

Il piano d’azione prevede la fusione di tutte le principali direttive sul diritto delle società in uno strumento unico, al fine di migliorare l’accessibilità e comprensibilità di questa normativa settoriale dell’UE e ridurre il rischio di incongruenze future.
Gli elementi principali del piano d’azione sono i seguenti:

1. Aumento della trasparenza fra società e azionisti per migliorare il governo societario, in particolare riguardo alla composizione del consiglio e alle politiche di gestione del rischio, ma anche per gli investitori istituzionali riguardo alle politiche di voto e di impegno. Dovranno inoltre essere migliorate le relazioni sul governo societario e l’identificazione degli azionisti da parte degli emittenti dovrà essere più semplice.

2. Iniziative per incoraggiare e favorire l’impegno a lungo termine degli azionisti, ad esempio con una maggiore trasparenza in merito alle politiche retributive e alle remunerazioni dei singoli amministratori e riconoscendo agli azionisti il diritto di voto sulla politica retributiva. Tra le altre cose dovrà essere chiarito il concetto di “azione concertata” per agevolare la cooperazione degli azionisti su questioni relative al governo societario.

3. Iniziative nel settore del diritto delle società per sostenere le imprese europee e incoraggiarne la crescita e la competitività, ad esempio valutando un’eventuale iniziativa sul trasferimento transfrontaliero di sede per le società; rendendo più semplici le fusioni transfrontaliere; introducendo norme UE chiare sulla scissione transfrontaliera; portando avanti i lavori a seguito della proposta di statuto della società privata europea per potenziare le opportunità transfrontaliere delle PMI; avviando una campagna d’informazione sullo statuto della società europea/società cooperativa europea e con misure mirate ai gruppi di società, ossia riconoscimento del concetto di “interesse del gruppo” e maggiore trasparenza circa la struttura del gruppo.

Michel Barnier, Commissario per il Mercato interno e i servizi, ha dichiarato: “il piano d’azione sul diritto delle società e il governo societario delinea il quadro per il futuro: gli azionisti dovrebbero godere di maggiori diritti, ma anche assumersi pienamente le proprie responsabilità per assicurare che le società rimangano competitive nel lungo periodo. Le società dovrebbero invece migliorare la trasparenza sotto vari aspetti. Queste azioni renderanno il governo societario più competitivo”.

La strategia “Europa 2020” della CE sollecita un miglioramento del contesto in cui operano le imprese in Europa, per cui le norme dell’UE in materia di diritto delle società e governo societario per le società, gli investitori e i dipendenti devono essere adattate alle reali esigenze delle società di oggi e al contesto economico in evoluzione. Per avere ulteriori informazioni riguardo la modernizzazione del diritto della società e del governo societario, alleghiamo il testo del piano d’azione presentato (in inglese).

 

Allegati

pdf company-law-corporate-governance-action-plan.pdf

Condividi