Emergenza lavoro: in Toscana 13milioni per le aziende che assumono

mappa Toscana

Emergenza lavoro: in Toscana 13milioni per le aziende che assumono

Operativo da febbraio il nuovo pacchetto di misure regionali per favorire il reinserimento di uomini e donne licenziate o in mobilità

“Interventi a sostegno dell’occupazione: incentivi alle imprese per l’assunzione di lavoratori”: è il titolo della delibera del 17 dicembre 2012 nella quale la Regione Toscana decide di stanziare 13 milioni di euro per il 2013 per favorire il reinserimento lavorativo di tanti uomini e donne espulse dal mercato del lavoro a causa della crisi e delle ristrutturazioni aziendali. Dei 13 milioni stanziati, 400mila rientrano a pieno titolo nel Bilancio 2013, mentre 12,6 milioni sono risorse FSE.

E tra le novità che si trovano nella delibera che prospetta gli interventi anticrisi per il 2013 c’è un provvedimento che è già stato soprannominato “dote professionale”: dote, come quella che si preparava per le ragazze, in tempi ormai dimenticati, prima di sposarsi. In sostanza si tratta di una serie di agevolazioni e di meccanismi di finanziamenti che possono rendere vantaggioso ed appetibile per un’impresa l’assunzione di lavoratrici e lavoratori che hanno perso il posto a causa della crisi.

In particolare, la “dote lavorativa regionale” prevede che le aziende che assumono uomini e donne in mobilità o licenziati, a tempo indeterminato part o full time abbiano un incentivo compreso tra i 4mila e gli 8mila euro. E ancora: per la formazione del personale si può avere accesso a finanziamenti massimi di 3mila euro. In alcuni casi si potrà usufruire della deduzione dalla base imponibile dell’Irap (Imposta regionale sulle attività produttive) delle spese sostenute per il personale dipendente assunto a tempo indeterminato nel 2013. Si tratta, in media, di circa 800 euro a lavoratore. Per un totale massimo di circa 12mila euro che, appunto, vanno “in dote” all’azienda.

L’idea delle agevolazioni per le assunzioni si coniuga ad altri provvedimenti già attivi in Toscana a sostegno della produttività e del lavoro: citiamo la legge sull’imprenditoria giovanile e femminile, il cui bando è aperto fino al 2015 , e i provvedimenti per l’assunzione di soggetti svantaggiati.

Il bando regionale per le imprese interessate ad ottenere la “dote” sarà disponibile da febbraio, ma avrà valore retroattivo anche sulle assunzioni di gennaio 2013. Nell’attesa del testo definitivo, si può intanto consultare la delibera regionale di dicembre 2012.

Agnese Fedeli

Allegati

pdf delibera toscana 17.12.2012.pdf