Aperte consultazioni europee sul mercato dei prodotti industriali

Citta industriale

Aperte consultazioni europee sul mercato dei prodotti industriali

Consentire la libera circolazione di tutti i prodotti su tutto il territorio europeo è la concretizzazione del concetto di mercato unico ma dalle denunce presentate dai produttori e dai distributori alla Commissione Europea è evidente che ancora ci sono molti ostacoli da rimuovere

Gli scambi di prodotti industriali non sono così rapidi e semplici come dovrebbero essere in un mercato comunitario unico; per accertare quali siano gli ostacoli da eliminare, la CE ha aperto una pubblica consultazione che porti ad identificare le carenze legislative in merito a questa questione basilare.

Attualmente esiste un insieme comune di regole che disciplina circa il 75% dei prodotti e consente alle merci conformi di circolare liberamente su tutto il territorio dell’UE. In assenza di una legislazione UE si applica il principio del “mutuo riconoscimento”, il quale implica che i prodotti legalmente commercializzati in uno Stato membro possano essere commercializzati anche in un altro Stato membro senza dover soddisfare requisiti addizionali.
Le questioni sostanziali affrontate nella consultazione appena aperta sono suddivise in due parti: la prima si occupa delle rimanenti barriere normative; la seconda concerne la semplificazione delle regole esistenti.

In particolare, scopo della prima parte è “identificare e eliminare le rimanenti barriere sul mercato interno per i prodotti industriali” (la Commissione chiede agli stakeholder quali sono gli ostacoli ancora presenti e le questioni di maggiore rilevanza che andrebbero affrontate). Scopo della seconda parte è semplificare e allineare le regole esistenti: questa parte intende “identificare le sovrapposizioni, le incoerenze e persino i conflitti tra diversi testi legislativi”, di conseguenza serve ad esaminare le caratteristiche comuni di diversi testi legislativi (ad esempio in materia di tracciabilità o di marchi di conformità) in modo da assicurare che tali regole “siano coerenti e non costituiscano oneri inutili per gli operatori economici e per le autorità preposte alla sorveglianza del mercato”.

Il Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, Antonio Tajani, ha affermato: “se vogliamo che il mercato unico aiuti a riportare l’industria in Europa e rechi vantaggi a tutti gli stakeholder dobbiamo assicurare che le regole che disciplinano la commercializzazione dei prodotti siano aggiornate e tengano conto degli sviluppi del 21° secolo. Un mercato interno funzionante aiuta le imprese a vendere i loro prodotti all’estero. Invito le imprese a farci conoscere gli ostacoli in cui s’imbattono per aiutarci ad abolire tutte le barriere che impastoiano il libero scambio di prodotti industriali”.

Le imprese e le parti interessate possono informare la Commissione Europea riguardo a tutti i problemi normativi nei quali si imbattono durante la propria attività commerciale di prodotti industriali nell’Unione Europea. I propri commenti potranno essere inviati entro il 17 aprile 2013 al seguente indirizzo: . Alleghiamo all’articolo il form della consultazione.

 

Allegati

pdf Consultazione-pubblica-CE-Industria.PDF

Condividi