Il lavoro delle donne tra salute e sicurezza

Comitato Donne AIFOS

Il lavoro delle donne tra salute e sicurezza

Convegno nazionale promosso dal Comitato Donne di Aifos, Associazione italiana formatori della sicurezza sul lavoro

Non è solo un fatto di cervello, di approccio e di carattere: donne e uomini sono diversi in tantissime cose. Nel corpo, per esempio. Il piede di una donna è tutt’altra cosa rispetto a quello di un uomo. E non ci riferiamo ad aspetti più o meno estetici o feticisti, quanto ad elementi strutturali che hanno a che fare con la sicurezza sul lavoro: in breve, le scarpe antinfortunistiche da donna non possono avere lo stesso design di quelle maschili.

Può sembrare una banalità, eppure è una delle carenze denunciate in una ricerca nazionale da un gruppo di donne lavoratrici alle prese con i DPI, ossia “dispositivi di protezione individuale” sul posto di lavoro. Le scarpe antinfortunistiche femminili non sono quelle maschili “in scala”: devono essere progettate proprio in modo differente per garantire stabilità e sicurezza nel salire le scale, per esempio.
È su aspetti come questi, oltre che su una cultura più ampia della tutela personale nei luoghi di lavoro, che si è concentrato il convegno nazionale “Il lavoro delle donne tra salute e sicurezza”. Organizzata dal Comitato Donne di Aifos (scopri di più sul Comitato Donne Aifos nella relazione in allegato), la giornata di studi si è tenuta al Castello dei Pio a Carpi.

convegno Aifos

Perché, pur essendo un convegno nazionale, la scelta di questo luogo quasi defilato, rispetto alla Capitale e rispetto ai capoluoghi di regione? Risponde Giovanna Alvaro, Presidente del Comitato Donne Aifos: “Alla base di questa scelta c’è innanzitutto il desiderio di esprimere una vicinanza e una solidarietà femminile, e non solo, ad una terra colpita duramente dal sisma dell’anno scorso. Nonostante questo ci siamo accorte che la città e il territorio hanno reagito molto bene, con il desiderio di ricominciare”. In più, la valutazione che città come Carpi, Modena ed il tessuto dell’Emilia Romagna sono da sempre particolarmente fertili in quanto a forza lavoro femminile.


Audio: INTERVISTA A GIOVANNA ALVARO

PRESIDENTE COMITATO DONNE AIFOS


Tra gli interventi della giornata, tanti saluti ed interventi istituzionali – dal Prefetto di Modena alle Consigliere di Parità di Modena e di Brescia, solo per citarne alcune – ma anche la presentazione di ricerche e studi sul lavoro femminile e sulla sicurezza sul lavoro in ottica di genere.
Si sono così alternate la relazione sul progetto “Sonia, la meccanica delle donne”, con la proiezione del video “Con la testa e con le mani”, a cura di Maddalena Vianello, che racconta il distretto meccanico modenese secondo il punto di vista femminile; o la relazione della Responsabile Nazionale salute e sicurezza sul lavoro della Cisl, Cinzia Frascheri, che ha invece illustrato i risultati di uno studio finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali su “L’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (DPI) in ottica di genere”.
La ricerca ha coinvolto 1200 tra lavoratori e lavoratrici e ha portato ad una maggiore collaborazione con alcune aziende che progettano DPI per rispondere sempre più alle esigenze delle donne lavoratrici, ma anche dei lavoratori stranieri in Italia.


Audio: INTERVISTA A CINZIA FRASCHERI

RESPONSABILE NAZIONALE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CISL


Agnese Fedeli

Allegati

pdf COMITATO DONNE AIFOS_11 marzo 2013.pdf

Condividi