Imprese femminili nel Lazio e in Toscana

Imprese femminili nel Lazio e in Toscana

Due regioni del Centro-Italia selezionate da Donna In Affari in quanto negli scorsi giorni hanno divulgato dati specifici sulla situazione dell’imprenditoria femminile

Se in Italia il numero delle imprese femminili rappresenta il 24,3% del totale delle imprese, in Toscana la media è più bassa (23,1%) mentre nel Lazio il numero è in costante crescita, tanto da spingere Unioncamere a dichiarare che “le imprese femminili tengono testa alla crisi”.

Entrambe le serie di dati sono state divulgate l’8 marzo, giornata internazionale della donna. Per quanto riguarda il Lazio, che come si sa è la regione con il più alto numero di imprese femminili, con il record a Roma e provincia (99.381 unità a fine 2012), il dato è emerso dall’Osservatorio dell’imprenditoria femminile di Unioncamere, che lo ha divulgato in occasione del convegno “M’illumino d’impresa”; mentre per quanto riguarda la Toscana – che a Firenze e provincia conta 21.729 imprese femminili, il dato è stato fornito dal Servizio statistica della Camera di commercio di Firenze.

In ogni caso, sia a livello nazionale che a livello regionale i dati mostrano che le aziende guidate da donne continuano a crescere nonostante la crisi economica attuale. Nel Lazio, a fine 2012, tali aziende erano oltre 144.402, con ben 1.555 imprese in più rispetto a fine 2011 (+1,09%). A Roma il numero di imprese femminili è salito, rispetto a fine 2011, dell’1,37%, pari a 1.350 aziende.
Una crescita, quella del Lazio, superiore a quella nazionale, dal momento che il totale delle imprese femminili italiane è cresciuto nel 2012 dello 0,5%.
 

Le 21.729 imprese di Firenze e provincia gestite da donne sono così distinte per quanto riguarda la forma giuridica:
–    3.200 società di capitali,
–    5.440 società di persone,
–    12.798 imprese individuali,
–    291 altre forme giuridiche.