Sicurezza ed educazione sportiva dei ragazzi

judo per giovani

Sicurezza ed educazione sportiva dei ragazzi

Cinque giornate dedicate allo sport in nome della sicurezza dirette ai più giovani. È il 1° Circuito Veneto Judo “Andrea Rossato”, con giovanissimi atleti provenienti da tutto il Veneto che, iniziato a febbraio a Vittorio Veneto, si concluderà a Roma il 19 maggio

Il circuito al quale partecipano piccoli atleti esordienti è dedicata al bambino Andrea Rossato, rimasto vittima a soli 9 anni di un tragico incidente sulle piste di Cortina nel marzo 2011. Un bambino amante dello sport, che coltivava con passione. Oltre allo sci, tra le altre passioni sportive, c’era quella per il Tatami.

Arriveranno a Roma il 19 maggio e si raduneranno presso il Palazzetto dello Sport di Via Olimpia, i giovanissimi atleti che hanno partecipato a questo primo circuito veneto di judo, per ricevere il trofeo di Mestre “Andrea Rossato”. Un’organizzazione curata dal Comitato Veneto Judo della Fijlcam (Federazione italiana Judo lotta Karate e arti marziali) e dalla Fondazione Andrea Rossato, che intende promuovere la cultura della sicurezza nello sport a partire dai più giovani.

circuito judo veneto

Come afferma Mauro Rossato, Presidente della Fondazione Andrea Rossato, infatti, “il judo rappresenta una preziosa occasione per portare avanti la nostra missione, contribuendo, attraverso il gesto atletico, a sensibilizzare la società sulle tematiche relative alla sicurezza e all’educazione dei giovani dentro e fuori lo sport”.

 

Il circuito è iniziato a fine febbraio, ha visto altre due giornate sabato 16 e domenica 17 marzo, e vedrà la prossima il 24 marzo, a Bassano del Grappa (leggi le info allegate all’articolo), e quella successiva il 14 aprile con il Trofeo di Pederobba Onigo di Piave.

Alleghiamo all’articolo anche il regolamento per partecipare al circuito.

Allegati

pdf Regolamento-Circuito-Veneto-Judo-2013.PDF
pdf Trofeo-citta-Bassano-24-03-2013.pdf

Condividi