Bando spazio nel Lazio

Bando avvio imprese Lazio

Bando spazio nel Lazio

Firmato il nuovo bando da 500mila euro per l’avvio di imprese del Lazio che vogliano applicare le conoscenze e le tecnologie spaziali in altri settori di attività

Gli stanziamenti, pari a 50mila euro per azienda, arriveranno dall’ESA (Agenzia Spaziale Europea) e dall’ASI (Agenzia Spaziale Italiana).  Ogni partecipante potrà presentare un progetto: ne verranno selezionati soltanto dieci.

Il documento di attivazione del bando è stato firmato negli scorsi giorni dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dal presidente dell’ASI Enrico Saggese alla presenza del direttore del Technical and Quality Management dell’ESA Franco Ongaro e del direttore generale di BIC Lazio Gianluca Lo Presti. Scopo dell’accordo è quello di supportare l’avvio di imprese che intendono applicare conoscenze e tecnologie di derivazione spaziale in altri settori di attività, come ad esempio il monitoraggio ambientale, lo sviluppo di nuovi materiali, l’efficienza energetica, i sistemi di trasporto intelligente e di geolocalizzazione.

Possono partecipare al bando, che alleghiamo all’articolo: aspiranti imprenditori; ricercatori, professori e personale tecnico di organismi di ricerca pubblici, privati e di università; imprese in fase di start up, costituite da non più di 5 anni. I vincitori saranno ospitati per due anni a Roma presso l’Incubatore ITech di BIC Lazio ed usufruiranno di tutoraggio imprenditoriale e tecnico, oltre che di un supporto per accedere ad altri strumenti di finanziamento.

firma bando lazio imprese spazio

Ad ogni progetto selezionato spetterà un massimo di 50mila euro, per i costi legati allo sviluppo del prodotto o del servizio e alla relativa tutela di proprietà intellettuale. Per accedere al finanziamento ed ai servizi di incubazione e di accompagnamento imprenditoriale bisogna quindi partecipare al bando inviando il progetto e la domanda per e-mail a esabiclazio@biclazio.it o con raccomandata A/R agli indirizzi: esabiclazio e BIC Lazio Spa, Incubatore ITech, Via Giacomo Peroni 442-444, 00131 Roma.

L’iniziativa si rivolge a ricercatori ed aziende provenienti da uno degli “Stati Membri di ESA” (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito) che intendono avviare nel Lazio la propria attività imprenditoriale.

Il Presidente Zingaretti ha spiegato che “nel Lazio c’è l’assoluta necessità di rafforzare le nostre eccellenze. La nostra regione ha una concentrazione elevata di importanti università, centri di ricerca e piccole e grandi industrie e multinazionali. Dobbiamo coinvolgerle e dialogare con loro per far sì che questi centri di eccellenza costituiscano la base per nuove opportunità di lavoro. Questo metodo di lavoro deve diventare una bussola per l’impegno della Regione nei prossimi anni: entrare nel nodo dell’aiuto alle imprese per colmare il gap tra un’idea innovativa e l’applicazione pratica, mondi che si incontrano con difficoltà. Dalla crisi si esce rinnovando la qualità e sostenendo le imprese, ma soprattutto costruendo e rafforzando un nuovo modello di sviluppo fondato su una tecnologia all’avanguardia che va aiutata, rilanciandola, internazionalizzandola. In questo quadro costruire nuove 10 imprese hi tech è un passo importante”.

Allegati

pdf Bando-ESA-BIC-Lazio.PDF

Condividi