Fusioni e Acquisizioni

borsa

Fusioni e Acquisizioni: uno studio della Bocconi e Ernst & Young

Le sinergie operative sono lo stimolo per principale che conduce le aziende europee ad unirsi. Le operazioni di fusione e acquisizione premiano soprattutto le aziende in grado di autofinanziarsi

Lo studio realizzato dal CReSV (Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore) Bocconi in collaborazione con Ernst & Young è stato realizzato su un campione di cento operazioni di fusione e acquisizione (M&A) concluse da imprese italiane in Europa.

Lo studio dimostra che le sinergie sono generate da fattori operativi per l’84% e da fattori finanziari per il 16%. Le operazioni effettuate nel periodo 2003-2008 da società acquirenti italiane in Europa hanno portato a un ritorno economico (con un incremento delle vendite del 25%) grazie ai miglioramenti delle performance aziendali e alle sinergie così realizzate. Le sinergie positive sono ottenute principalmente a livello strategico mentre le sinergie finanziarie hanno un ruolo residuale.

Il 74% delle operazioni analizzate sono state effettuate da piccole medie imprese e il 58% delle operazione aveva un valore di realizzazione compreso tra 0 e 25 milioni di euro.
I risultati emersi evidenziano che le imprese che hanno effettuato operazioni di M&A sono state in grado di ottenere sinergie totali in media positive. In particolare, le sinergie operative costituiscono la componente più rilevante, responsabile per l’84% delle sinergie ottenute, e sono riconducibili principalmente a risparmi in investimenti operativi, 58%, e per il restante 42% dalla componente EBIT, grazie all’incremento delle vendite. Il confronto tra la media delle vendite pre e post-operazione evidenzia infatti un aumento del 26%. Inoltre, le attività di M&A eseguite tra imprese italiane hanno evidenziato risultati migliori rispetto a quelle effettuate sul panorama europeo. Per quanto concerne il settore di attività, in media non si registrano grosse variazioni tra i risultati ottenuti dalle operazioni effettuate da imprese appartenenti allo stesso settore e quelle di settori diversi.

Il CReSV ha svolto anche un focus group con i direttori finanziari di importanti società quotate italiane, dal quale è emerso come la capacità di realizzare sinergie finanziarie sia fortemente correlata con la generazione di risorse interne all’azienda e con le metodologie di approvvigionamento di capitali. Le società che hanno un alto livello di autofinanziamento nei tre anni precedenti all’operazione di finanza straordinaria saranno infatti in grado di generare maggiori sinergie finanziarie, grazie soprattutto alla capacità di finanziare l’operazione di M&A a condizioni più vantaggiose.

“Alla luce dei risultati e di quanto emerso durante gli incontro con i direttori finanziari, abbiamo delineato le determinanti su cui focalizzarsi per ottenere risultati positivi mediante attività di fusione e acquisizione” ha spiegato Maurizio Dallocchio, del Dipartimento di finanza della Bocconi e coordinatore della ricerca. “In primo luogo bisogna perseguire strategie di tipo operativo incentrate sull’aumento delle quote di mercato nazionali ed estere, al fine di incrementare le vendite e generare sinergie di ricavo. Bisogna poi aumentare il ROS (rendimento sulle vendite), facendo attenzione a non generare dissinergie operative e accrescere l’efficienza degli investimenti operativi. Infine, è consigliabile attuare delle strategie per migliorare la generazione di flussi di cassa per avere accesso a metodologie di finanziamento meno costose”.

“I risultati ottenuti confermano il ruolo della finanza quale strumento per un’efficiente allocazione delle risorse ma non come fonte generatrice di valore in sé. In altre parole, la finanza è un amplificatore della ricchezza generata ma solo quando è strumentale alle strategie aziendali sostenibili e di lungo periodo” è il commento di Donato Iacovone, Mediterranean Managing Partner e Amministratore Delegato  di Ernst & Young.

Condividi