Concorso per traduttori di lingua italiana di qualsiasi età

Traduttori

Concorso per traduttori di lingua italiana di qualsiasi età

La Commissione Europea ha pubblicato il bando per traduttori di lingua italiana presso le istituzioni UE. Per i traduttori in cerca di lavoro si tratta di un’opportunità da non perdere e per la quale non è richiesta alcuna esperienza professionale

Lo slogan scelto dalla CE per lanciare il proprio bando è “Tradurre idee, non solo parole”. Oltre ai traduttori di italiano, si cercano anche quelli di inglese, francese, danese, olandese, maltese e sloveno. La scadenza per presentare la propria candidatura è il 13 agosto 2013.

“Sei traduttore? Vuoi lavorare con noi? Partecipa al concorso per traduttori di lingua italiana!” così esordisce la nota della CE che pubblicizza la ricerca di personale in questo campo. Possono partecipare al concorso appena indetto tutti i cittadini europei (di uno stato membro dell’UE) in possesso (al 13 agosto 2013) di una laurea base (nota come triennale, nonostante il ciclo si completi in minimo quattro anni) in lingue e traduzione o in altre discipline (economiche, tecnico-scientifiche, ecc.) purché con una spiccata inclinazione per le lingue e attitudine per la traduzione. Non è quindi richiesta alcuna particolare esperienza professionale.

Per partecipare non è richiesto nemmeno alcun limite di età. I candidati devono dimostrare di possedere una perfetta padronanza della propria lingua madre (nel nostro caso l’italiano) e un’ottima conoscenza di una delle tre lingue procedurali della Commissione Europea (francese, inglese e tedesco) oltre a una conoscenza approfondita di un’altra lingua a scelta tra le 24 ufficiali dell’Unione Europea.

TraduttoriI candidati dovranno superare una preselezione basata su “test di ragionamento verbale, ragionamento numerico e ragionamento astratto, oltre a due prove specifiche di comprensione linguistica nelle lingue scelte dal candidato all’atto della candidatura”.
Coloro i quali superano questa prima fase dovranno poi sostenere due prove di traduzione dalle lingue prescelte verso l’italiano. Solo chi supera anche queste prove di traduzione sarà invitato a partecipare, a Bruxelles, all’ultima fase della selezione presso il Centro di valutazione EPSO.
 I candidati che risulteranno idonei saranno iscritti in un “elenco di riserva” dal quale le istituzioni dell’UE attingeranno per assumere traduttori nei prossimi anni. Le sedi di lavoro saranno Bruxelles o Lussemburgo.

Per candidarsi è necessario anzitutto registrarsi on line sul sito dell’EPSO, l’ufficio europeo di selezione del personale. La scadenza per farlo è fissata per le ore 12,00 – ora di Bruxelles – del 13 agosto.

Condividi