La Camera di Commercio di Trento per l’internazionalizzazione

Dalpez - presidente CCIIA Trento

La Camera di Commercio di Trento per l’internazionalizzazione

Contro la crisi è necessario allargare gli orizzonti imprenditoriali oltre confine. A partire da questa considerazione la Camera di commercio ha deciso di favorire i processi di internazionalizzazione delle imprese trentine con la creazione di uno Sportello Unico dedicato

La Giunta camerale, nella seduta dell’8 luglio, ha ufficialmente ribadito il proprio impegno a sostegno dell’internazionalizzazione del tessuto economico locale, impegno iniziato già alcuni anni or sono con la nascita dell’ufficio commercio estero e di Trentino Sprint le cui competenze sono state ridefinite.

Un Ufficio che si occupa della documentazione necessaria all’export, dal carnet ATA alle certificazioni, e una struttura camerale denominata Trentino Sprint (attualmente sotto forma di azienda speciale per l’internazionalizzazione delle imprese) sono i principali punti di riferimento per le aziende interessate ad avviare i contatti e i commerci con le altre imprese situate all’estero. Ultimamente le modifiche all’Accordo di programma tra Provincia autonoma e Camera di Commercio di Trento hanno parzialmente ridefinito le competenze relative all’attività di internazionalizzazione, con l’obiettivo di erogare i servizi alle imprese creando uno Sportello unico.

Le novità prevedono che Trentino Sprint svolga un’attività di erogazione di servizi informativi di base e di primo orientamento (guida al mercato, schede prodotto e settoriali, statistiche di prima informazione, analisi statistiche ad hoc) e dunque si occupi di realizzare:
specifiche indagini e studi in materia di internazionalizzazione e di posizionamento competitivo internazionale del sistema provinciale;
l’informativa riguardante l’accesso agli strumenti finanziari e assicurativi per l’internazionalizzazione messi a disposizione a livello locale, nazionale ed europeo;
la promozione di iniziative di informazione e sensibilizzazione per le imprese trentine in materia di internazionalizzazione, relative a specifici mercati e tematiche internazionali;
azioni e programmi di formazione (in stretto raccordo con Trentino Sviluppo).

Il tutto senza dimenticare la fondamentale competenza di Trentino Sprint legata all’accesso ai database di cooperazione economica europea, alla ricerca dei consulenti e al network delle Camere di commercio italiane all’estero, che attualmente può contare su una rete di circa 80 sedi in tutto il mondo.

Come spiegano i rappresentanti camerali, “in accordo con la Provincia autonoma alcune attività specifiche – come quella inerente i servizi alle imprese – verranno svolte in collaborazione con Trentino Sviluppo dal personale di Trentino Sprint per non disperdere il valore della competenza e dell’esperienza professionale accumulata negli anni passati” e per questa ragione si sta definendo una convenzione operativa tra queste due strutture.

Infine, non bisogna dimenticare le funzioni di analisi e studio che verranno svolte in collaborazione con l’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio nonché le attività formative specifiche, anch’esse da integrare con le iniziative esistenti e gestite da altre entità pubbliche.
Con la ridefinizione dei ruoli e delle competenze in materia di internazionalizzazione, la Camera di Commercio si inserisce a pieno titolo nel sistema provinciale e la presenza sistemica della rete camerale nazionale ed estera, da sempre motore operativo delle attività di promozione internazionale, insieme con le capacità di relazione, la prossimità alle imprese e il patrimonio di esperienze acquisite, fanno di questo Ente un attore essenziale del panorama istituzionale trentino.

Condividi