Energia: Bando per le PMI laziali

energia verde

Energia: Bando per le PMI laziali

Pubblicato il bando da 50 milioni di euro relativo al “Fondo di promozione dell’efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile” a valere sull’Asse II “Ambiente e prevenzione dei rischi” del POR FESR Lazio 2007-2013, in linea con gli obiettivi di Europa 2020

Possono partecipare le Piccole e Medie Imprese singolarmente o in aggregazione (Consorzi o contratti di rete). La dotazione finanziaria del bando, di 50 milioni di euro, rappresenta la quota agevolata a disposizione per l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato.

Gli interventi che si possono realizzare grazie ai finanziamenti previsti sono:

  • a. misure di risparmio energetico;
  • b. impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • c. impianti di cogenerazione ad alto rendimento.
  • Sono ammissibili le spese per investimenti materiali e per servizi di consulenza, studi e progetti. Sono inoltre ammissibili le spese generali, a condizione che siano basate sui costi effettivamente sostenuti per l’esecuzione del progetto, nella misura massima del 10% dell’importo finanziato.

pannelli fotovoltaici

L’agevolazione è concessa sotto forma di finanziamento a tasso agevolato: un mutuo chirografario (basato solo sulla firma, senza alcuna garanzia) che può coprire fino al 100% delle spese ammissibili.
La domanda di finanziamento dovrà riguardare una spesa non inferiore a 100mila euro e non potrà essere superiore a 5 milioni di euro.

Il finanziamento si articola in due componenti di pari durata:

  • una componente a tasso agevolato, denominata Quota Agevolata, pari al 75% del finanziamento;
  • una componente a tasso ordinario, denominata Quota Ordinaria, pari al restante 25% del finanziamento.

Le domande si potranno presentare esclusivamente per via telematica, compilando e inoltrando il formulario on-line (sezione “agevolazioni” del sito di Sviluppo Lazio, fino al 30 giugno 2014 ma bisogna tener conto del fatto che, se le risorse economiche terminano prima della scadenza, non si potranno ottenere i finanziamenti, quindi è meglio presentarle al più presto.
Alla domanda dovrà essere allegata in formato elettronico la documentazione prevista dal bando, che alleghiamo all’articolo.
Entro 10 giorni dalla trasmissione online tutta la documentazione dovrà essere spedita a Sviluppo Lazio tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.
Ricordiamo che al momento della presentazione della domanda il beneficiario dovrà indicare obbligatoriamente la Banca alla quale intende rivolgersi per l’erogazione del finanziamento, scegliendola fra quelle convenzionate con Sviluppo Lazio.

Condividi