Un sabato notte al museo

unanottealmuseo

Trame di donne, d’opera e d’arte

Inaugurato il progetto “Un sabato notte al museo” voluto dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e in particolare dalla Direzione per la valorizzazione del patrimonio culturale guidata dalla dott.ssa Anna Maria Buzzi

Tra i 38 luoghi della cultura aperti al pubblico sabato 27 luglio, la serata di punta è stata dedicata alle donne, grazie a un programma musicale di alta qualità realizzato dall’associazione Irideventi tenutosi presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma.

Un soprano d’eccezione, Nunzia Durante; un professore d’orchestra per accompagnarla al pianoforte, Fabio Montani; un quartetto d’archi di provata esperienza, “Poema”, composto da: I Violino, Elvin Dhimitri, II Violino, Roberta Mammucari, Viola, Ilia Kanani, Violoncello, Valentino Maria Ferraro. Il tutto preceduto e accompagnato da visite guidate a tema nelle sale museali (di trenta in trenta minuti) con un progetto parallelo dal titolo “5 sensi + 1” in cui il pubblico poteva (e potrà per le prossime aperture notturne ogni ultimo sabato del mese) toccare con mano e sperimentare tre postazioni diverse: la prima dedicata ai materiali e alle tecniche della Preistoria (curata da Fulvio Ceccarelli del Gruppo Archeologico di Vignanello), la seconda alla ceramica antica (a cura di Antonio Amasio, Massimiliano Leonori e Stefano Bonini, Giuseppe Rosa, Andrea Vecchiotti, Cristina Memeo del NAAC – Nucleo Archeologico Antica Caere) e la terza agli etruschi (a cura degli archeologi della Soprintendenza per Beni Archeologici dell’Etruria meridionale). Il tutto seguito da una degustazione di vini tipici offerta dall’azienda agricola Terre di Veio.

 

Ma non v’è dubbio che il vero evento speciale della serata fosse l’esibizione del soprano Nunzia Durante, con il suo recital lirico, e il concerto del quartetto d’archi. Un evento interamente offerto – a proprie spese – dall’associazione culturale Irideventi, che ormai si conferma come una delle più attive del panorama romano per gli eventi di qualità. Non per nulla lo stesso Ministro dei Beni e delle Attività culturali, Massimo Bray, e i più alti dirigenti del Ministero vi hanno assistito, mescolati con il pubblico, anch’esso composto da tanti rappresentanti del mondo della cultura. Di seguito il nostro speciale servizio video:

Condividi