Ancora vacanti i posti nell’industria e nei servizi

Disoccupati a via del corso sfondo negozi

Ancora vacanti i posti nell’industria e nei servizi

Lo dimostrano i dati rilevati dall’Istat relativi al terzo trimestre 2013: il tasso di posti vacanti è pari, come nello stesso trimestre dell’anno scorso, allo 0,4% nel settore industria e allo 0,5% nel settore servizi

Le aziende non assumono non solo a causa della crisi ma anche perché non riescono a trovare il personale ricercato.

Nel settore dell’industria il tasso di posti vacanti rimane invariato nelle attività manifatturiere mentre scende leggermente (-0,1%) nelle costruzioni.
Nel settore dei servizi, rispetto allo scorso anno, a scendere sono le attività del commercio e riparazione, trasporto e magazzinaggio e gli specifici servizi di alloggio e ristorazione, con un calo più marcato in quest’ultimo settore (-0,4%). Nei servizi di informazione e comunicazione e nelle attività finanziarie e assicurative il tasso di posti vacanti rimane invariato. Si segnala, infine, un lieve aumento negli altri servizi (+0,1%).

Tra il 2009 e il 2013 i posti di lavoro a disposizione hanno avuto un andamento altalenante, raggiungendo il picco massimo nel 2011, quando ce ne erano molti a disposizione. In seguito, la disponibilità di posti ha visto nuovamente un calo raggiungendo la punta minima a fine 2012. Nel 2013 invece le aziende di questi settori hanno dichiarato di avere intenzione di iniziare a riassumere, come dimostrano gli ultimi dati:

tasso posti vacanti 2009-2013

Condividi