Generazioni di lavoratori a confronto

anziani-attivi

Generazioni di lavoratori a confronto

Giovani che non vogliono assumersi responsabilità, anziani ancora pronti a mettere a disposizione il proprio patrimonio di competenze: la fotografia di un’Italia tanto diversa dal resto d’Europa scattata dal Censis

Richiesta dall’ANLA (l’Associazione Nazionale Seniores d’Azienda) e curata dal Censis, la ricerca dal significativo titolo “Gli anziani, una risorsa per il Paese” è stata presentata a Bergamo negli scorsi giorni e ha mostrato varie sfaccettature della nostra società che nel 2015 sarà composta esattamente da un pari numero di giovani e anziani.

Gli over 65 nel 2015 arriveranno a essere 12.500.000 e la stessa cifra sarà quella dei giovani tra i 15 e i 34 anni. Gli stili di vita di queste due generazioni numericamente uguali sono state messe a confronto e, a quanto pare, sembrano più attivi i primi rispetto ai secondi.
Secondo lo studio effettuato dal Censis gli anziani sono in buona forma, vitali e si dedicano agli altri: un patrimonio di competenza ed esperienza al servizio della collettività. I giovani sono poco vitali, casalinghi e sempre più spesso Neet (inattivi). Riguardo a questi ultimi, la crisi economica e la carenza di posti di lavoro fa naturalmente tutta la sua parte ma si aggiunge a una tendenza da parte loro – già da anni denunciata da psicologi e sociologi – di non lasciare il tetto dei genitori, di tardare a costruire una propria famiglia e a prendere su di sé carichi di responsabilità. In una parola, rispetto agli altri giovani europei i nostri sono ancora immaturi.
E allora perché non offrire alla comunità l’esperienza e la volontà degli anziani? Tanto più che la maggior parte di essi non vuol sentirsi inutile, non vuole essere messa da parte, ed è stufa di stare “al servizio” dei figli. E così i datori di lavoro li preferiscono, per diversi aspetti.

Dal 2007 al 2012, mentre il numero dei giovani occupati di 15-34 anni è crollato (da 7 milioni 237mila a 5 milioni 789mila, quasi 1 milione e mezzo di posti di lavoro persi: -20%), i lavoratori con più di 55 anni sono aumentati da 2 milioni 766mila a 3 milioni 445mila (+24,5%).
Ma perché, come la pensano i datori di lavoro? Il 68,8% dei titolari di grandi aziende preferisce gli anziani rispetto ai giovani quando si tratta di competenze gestionali e organizzative, del riconoscimento nei valori aziendali (58,8%), delle competenze specialistiche (51,5%), della capacità di leadership (52,1%). I giovani hanno dalla loro invece l’orientamento all’innovazione (84,5%), la capacità di lavorare in gruppo (71,4%) e una maggiore produttività (61,2%).

Il divario tra le generazioni in termini di accesso al lavoro, di reddito, di risparmi e consumi non è mai stato così ampio. La percentuale di nonni che si occupano direttamente dei nipoti scende dal 35,8% del 2007 al 22,5%, e si contrae dal 17,5% al 9,7% la quota di anziani che si rendono disponibili per il disbrigo di mansioni in casa o di pratiche burocratiche.
Aumenta però dal 31,9% del 2004 al 47,9% la quota di over 60 che contribuiscono con un aiuto economico diretto alla vita di figli e/o nipoti. E sono per lo più anziane le famiglie che detengono consistenti patrimoni, quote rilevanti di reddito, e sono poco o per nulla indebitate. Se all’inizio degli anni ’90 i nuclei con capofamiglia di età inferiore a 35 anni detenevano il 17,1% della ricchezza totale delle famiglie e le generazioni immediatamente precedenti il 19,6%, negli ultimi vent’anni la loro quota è scesa significativamente: rispettivamente al 5,2% per le prime e al 16% per le seconde. Nel frattempo è aumentata la quota di ricchezza detenuta dalle famiglie più anziane, con capofamiglia ultrasessantacinquenne, passata dal 19,2% al 32,7%.

Gli anziani inoltre hanno molto tempo libero e, sempre più spesso, si tengono in forma curando il proprio aspetto e facendo attività fisica. Questo fenomeno viene definito “neo-vitalismo” ed è proprio una delle caratteristiche che contraddistingue lo stile di vita degli anziani: rispetto al 2002 sono così raddoppiati gli anziani che si tengono in forma camminando o facendo attività sportiva all’aperto (praticata dal 53,9%), che prestano attenzione alla qualità biologica del cibo (31,5%) e alla salubrità della dieta quotidiana (23,2%). Circa un terzo degli anziani (30,3%) cerca di trascorrere brevi periodi di vacanza nel corso dell’anno, oltre a quelli legati alla pausa estiva. Il 14,3% frequenta abitualmente palestre e piscine. Il 9,7% si concede almeno una volta all’anno le cure termali. Il 4,4% si sottopone abitualmente a cure estetiche, con sedute di abbronzatura, massaggi per il corpo e per il viso.
Da questi dati, emersi dalla ricerca del Censis, è evidente che gli anziani hanno il desiderio di continuare a sentirsi vitali, a mantenersi in buona forma, hanno disponibilità finanziaria e tempo libero. Possono pertanto rappresentare una risorsa per la società e infatti molti si impegnano nel volontariato: nel 2012 sono stati quasi un milione (969mila), vale a dire il 7% della popolazione over 65, gli anziani che hanno svolto attività gratuita di volontariato o partecipato a riunioni nell’ambito delle organizzazioni. Una quota in costante crescita, considerato che rispetto al 2007, se il numero dei volontari in Italia è aumentato del 5,7%, tra gli anziani si è registrato un incremento del 24,2% (pari a circa 200mila persone), a testimonianza del ruolo sempre più attivo che questi hanno nella società.

Stretti nella morsa del deficit di opportunità, da un lato, e del surplus di supporto familiare, dall’altro, rispetto ai coetanei europei i giovani italiani mostrano la tendenza a procrastinare sempre di più il momento delle scelte, della responsabilità e della maturità.
Il ritardo che caratterizza l’uscita da casa degli italiani è stato aggravato dalla crisi e la quota di 15-34enni celibi e nubili che vivono in casa con i genitori è cresciuta ulteriormente, arrivando al 61%.
Per non parlare dei Neet, che di sicuro rappresentano il fenomeno più preoccupante in Italia. Un fenomeno che cresce in modo esponenziale e che vede sempre più giovani chiamarsi fuori da qualsiasi tipo di impegno, che sia lo studio, il lavoro o la ricerca di un impiego.
Dei circa 6 milioni 85mila italiani di 15-24 anni, il 59,1% si trova inserito in un percorso formativo, il 18,6% ha un lavoro, il 10,1% lo sta cercando, mentre il 12,2% non fa nessuna di queste cose. È questo l’universo dei Neet, giovani che non studiano, non lavorano e non sono intenzionati a cercare alcun tipo di occupazione, ma preferiscono restare a casa, in pantofole, contrariamente agli anziani. Mah!