Innovazione industriale: finanziamenti per le biotecnologie

simbolo-eurotransbio

Innovazione industriale: finanziamenti per le biotecnologie

A disposizione delle imprese che si occupano di biotecnologie 5 milioni di euro per realizzare progetti transnazionali di innovazione industriale. Richiesta la collaborazione tra almeno due imprese di nazionalità diversa. Il bando scade 13 gennaio 2014

Le risorse saranno messe a disposizione dal MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) e prelevate dal Fondo per la Crescita Sostenibile. Verranno sostenuti i progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale realizzati da imprese italiane in collaborazione con altre imprese europee.

 

Potranno essere coinvolti nel progetto anche gli organismi di ricerca. Il bando, che sta per essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, nasce nell’ambito dell’iniziativa EuroTransBio, di cui alleghiamo le linee guida.  L’Italia partecipa a questa iniziativa proprio con il MISE, ed il relativo bando è aperto nell’ambito del Fondo per la Crescita Sostenibile (FCS). Con quello aperto lo scorso 30 ottobre 2013 si è giunti al nono bando e relativo stanziamento (di 5 milioni di euro).
In totale le risorse messe a disposizione dai Paesi e dalle Regioni partecipanti al bando sono pari a circa 21 milioni di euro (compresi i 5 milioni di euro messi a disposizione degli operatori italiani dal Ministero dello Sviluppo Economico).

 

Le imprese interessate potranno partecipare con “progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie”. Il bando offre dunque la possibilità di co-finanziare progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale puché caratterizzati da eccellenza e innovatività.

Paesi-partecipantiPoiché si può partecipare esclusivamente in gruppo, diamo le indicazioni necessarie comunicate dal Ministero:  i raggruppamenti devono essere composti da almeno 2 imprese provenienti da almeno 2 Paesi partecipanti ad ETB (Euro Trans Bio) e coordinati da una PMI (Piccola o Media Impresa, quindi che abbia fino a un massimo di 250 dipendenti). Sarà l’impresa coordinatrice ad assumersi la parte più significativa di attività. I Paesi e le Regioni europee partecipanti al programma ETB sono, oltre l’Italia: Austria, Finlandia, Germania, e nelle Regioni delle Fiandre e della Vallonia (Belgio), dell’Alsazia (Francia), Russia, dell’Andalusia e dei Paesi Baschi (Spagna).
Ai raggruppamenti di progetto possono partecipare anche organismi di ricerca, purché sia coinvolta un’impresa del corrispondente Paese.

I progetti potranno essere presentati a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e fino al 31 gennaio 2014. Entro tale data va inviata all’apposito ufficio transnazionale ETB la proposta progettuale (in inglese) attraverso l’uso di un software specifico e, contestualmente, la domanda di accesso alle agevolazioni (in italiano) al Ministero dello Sviluppo Economico.

Si ricorda che la Commissione Europea non è coinvolta nella definizione o nella preparazione del bando, né nella valutazione e nel finanziamento dei progetti approvati. Per ulteriori informazioni, finché non verrà pubblicato il Bando in Gazzetta Ufficiale, potete leggere le linee guida allegate (in inglese) e visitare il sito (sempre in inglese) eurotransbio.eu.

pdf Linee guida Eurotransbio.pdf