Violenza contro le donne e i minori

sede-regione-liguria

Violenza contro le donne e i minori

La Regione Liguria dà il via all’osservatorio regionale

Fenomeno sempre più diffuso e trasversale sul quale occorre saperne di più. Per questo motivo la giunta ligure, su proposta dell’assessore al welfare e alle Pari opportunità, Lorena Rambaudi, ha approvato l’istituzione dell’Osservatorio che permetterà di raccogliere, elaborare ed analizzare i dati forniti dai centri antiviolenza e dai pronto soccorso del territorio.

 

L’Osservatorio servirà per monitorare il fenomeno allo scopo di attuare politiche di contrasto ma anche di prevenzione. “Alla luce dei suggerimenti e delle criticità” ha spiegato l’assessora Rambaudi “è emersa la necessità di uniformare la modalità di rilevazione, rendendola omogenea su tutto il territorio affinché i dati rilevati dai centri anti-violenza, dai pronto soccorso e dai servizi territoriali possano essere confrontati evitando duplicazioni”.
Già da tempo i pronto soccorso degli ospedali liguri hanno avviato una rilevazione anagrafica relativa agli accessi delle donne vittime di violenza, ma questi dati andranno incrociati  con quelli dei centri anti-violenza per conoscere meglio il fenomeno, alla luce anche del passaggio dei centri dalle Province ai Comuni di Sanremo, Savona, Genova, Chiavari e La Spezia.

Per l’avvio dell’Osservatorio la Giunta ligure ha stanziato 20.000 euro che occorreranno a realizzare un sistema informatico omogeneo, ad opera di Datasiel.
Sarà la ASL 2 Savonese a coordinare e organizzare la raccolta dati, perché da tempo già impegnata a scandagliare il fenomeno. “L’osservatorio regionale” ha detto l’assessora “si è reso sempre più necessario per via dei casi sempre più frequenti di femminicidio, e anche a seguito del tavolo di lavoro interistituzionale sul fenomeno della violenza di genere che è stato costituito a livello nazionale”.

Al momento in Liguria ci sono 4 centri anti-violenza, 7 case rifugio, 9 strutture alloggiative di secondo livello e 7 sportelli aperti al pubblico. Per queste strutture la Regione Liguria ha stanziato 270mila euro nel 2013.