Contributi ai giovani per gli affitti

giovane-coppia-in-moto

Contributi ai giovani per gli affitti

La Toscana ha emanato il nuovo bando diretto ai giovani dai 18 ai 34 anni di età, con priorità per la fascia dei trentenni, nell’ambito del programma Giovanisì. Le domande di contributo all’affitto si possono presentare fino al 28 febbraio

Il contributo durerà tre anni e va da un minimo di 150 euro a un massimo di 350 euro mensili. Si tratta dunque di una cifra che può andare dalle 1.800 alle 4.200 euro l’anno, a seconda delle fasce di reddito e della presenza o meno di figli (e del loro numero).

 

Per ottenere i contributi bisogni essere residenti in Toscana da almeno due anni presso il nucleo familiare di origine. Se si è invece una coppia già costituita o “in via di formazione”, basta che abbia tale requisito uno dei due giovani.
Il contributo verrà erogato in quote semestrali anticipate, ma occorrerà presentare prima un regolare contratto di locazione.
L’immobile che si va ad affittare – per minimo tre anni – deve essere una prima casa, con i requisiti di abitabilità, e trovarsi in Toscana.

Non sono ammessi invece al contributo i seguenti contratti di locazione:
•    riguardanti gli appartamenti di lusso e quelli di categoria catastale A1, A8 e A9;
•    a carattere transitorio;
•    sottoscritti con parenti o affini;
•    di porzione di immobile accatastato come unica unità, di porzione di alloggio e di singoli vani;
•    stipulati in data antecedente al 28 febbraio 2014;
•    sottoscritti da soggetti non compresi nella graduatoria;
•    riguardanti la cessione di contratti d’affitto precedentemente stipulati e i contratti di subaffitto.

Il Presidente della Regione, Enrico Rossi, ha presentato il nuovo bando dicendo: “continuiamo ad aiutare tantissimi giovani toscani a scegliere di vivere fuori dalla propria famiglia, a diventare autonomi, a crescere. Il contributo all’affitto nell’ambito del progetto Giovanisì ha riscosso e sta continuando a riscuotere grande successo: con i primi tre bandi siamo riusciti a dare una risposta positiva a oltre 3 mila giovani e messo a disposizione più di 26 milioni di euro. Ma il nostro obiettivo è, grazie alle altre misure di Giovanisì, cercare di coinvolgere un numero sempre maggiore di giovani che vogliono proseguire un percorso di studio, avviare un’esperienza formativa o al servizio di altri o trovare una propria collocazione professionale”.

E in effetti il bando, che alleghiamo all’articolo, fa parte di un pacchetto di interventi dedicati all’autonomia abitativa dei giovani finanziato per un totale di 45 milioni di euro da erogare fino al 2015.  Di bandi per il contributo agli affitti la Regione ne ha erogati già tre, a partire dal 2011 ed ha ricevuto 3.646 domande nell’arco dell’ultimo triennio. Di queste, ne sono state accettate 3.087 e finora sono stati impegnati 26 milioni da parte della Regione Toscana.

Le domande vanno presentate, a mano o per posta, a: Regione Toscana, D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale, Settore politiche abitative, Via di Novoli 26, 50127 Firenze.
In alternativa si possono inviare per posta elettronica (tramite casella PEC – Posta Elettronica Certificata) a: regionetoscana@postacert.toscana.it.
Per informazioni ulteriori si può chiamare il numero verde 800.098719 (dal lunedì al venerdì 9,30-16,00). Oppure contattare l’URP della Regione: urp@regione.toscana.it, numero verde 800.860070.

pdf Bando Toscana contributi affitto giovani.pdf