Finanziamenti alle PMI liguri

regione-liguria

Finanziamenti alle PMI liguri

Tre bandi in apertura destinati alle imprese della Regione Liguria. L’ultimo annunciato è quello da due milioni di euro per le piccole e medie imprese che presentino progetti di aggregazione e messa in rete. Si tratta dei fondi ancora disponibili nell’ambito del POR-FESR 2007-2013

Il bando per le reti d’impresa si aprirà il 15 aprile (e la scadenza sarà il 9 maggio 2014), ma oggi, 17 febbraio, si apre anche il Fondo prestiti rimborsabili (scadenza 17 marzo 2014) e il 25 febbraio (con scadenza 25 marzo) il bando per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

 

Tutti i bandi in apertura sono relativi al Fondo europeo di Sviluppo regionale 2007-2013. Il primo in ordine temporale è quello odierno del 17 febbraio e si tratta di una riapertura di termini per la presentazione della domanda a valere sul Fondo Prestiti Rimborsabili “Ingegneria Finanziaria” in quanto il Fondo che offre prestiti agevolati è stato rifinanziato con ulteriori 500mila euro.

Il fondo è destinato alle Piccole e Medie Imprese che introducano innovazioni dal punto di vista tecnologico, produttivo, commerciale, organizzativo o gestionale.

Si può optare per una delle due seguenti modalità:

  1. prestito concesso fino al 70% dell’importo dell’investimento ammesso, con risorse interamente pubbliche
  2. prestito concesso fino al 100% dell’importo dell’investimento ammesso, di cui una quota pari all’80% con risorse pubbliche e la restante quota pari al 20% con risorse private messe a disposizione da una banca convenzionata.

Alla quota di prestito a valere sulle risorse pubbliche viene applicato un tasso agevolato pari allo 0,5% annuo. Le domande possono essere presentate alla Filse S.p.A. da oggi fino al 17 marzo 2014 incluso. Alleghiamo il bando in fondo all’articolo.

 

Per quanto concerne invece il secondo bando in uscita, esso intende supportare le azioni rivolte alla produzione di energia da fonte rinnovabile fotovoltaica, anche allo scopo di migliorare la tutela ambientale. Oltre alle PMI, in questo caso possono partecipare le grandi imprese e i soggetti no-profit purché esercitino attività diretta alla produzione di beni e/o servizi, siano iscritte al registro delle imprese e/o al Repertorio economico amministrativo e siano attive al momento della presentazione della domanda.

La dotazione finanziaria di questo bando è di 1,689 milioni di euro.

Sono considerati ammissibili al finanziamento gli investimenti per la realizzazioni di impianti fotovoltaici di potenza superiore o uguale ai 20 kWp ed inferiore o uguale a 200 kWp, sia per autoconsumo, che collegati alla rete elettrica di distribuzione per la produzione di energia da fonti rinnovabili; gli investimenti devono essere realizzati entro 12 mesi dalla data di concessione del contributo che è a fondo perduto nella misura del 40% della spesa di investimento ammissibile, del 50% nel caso di sostituzione di una copertura esistente contenente amianto.

Le domande di ammissione ad agevolazione devono essere redatte e presentate esclusivamente online sul sito della Filse a partire dal 25 febbraio e fino al 25 marzo 2014. Alleghiamo in fondo all’articolo anche questo bando.

 

L’ultimo intervento, per le reti d’impresa, è stato presentato dalla Regione Liguria solo negli ultimi giorni e il bando verrà aperto ad aprile (dal 15 aprile al 9 maggio 2014). Esso ha lo scopo di contribuire al rafforzamento e al miglioramento del sistema economico produttivo ligure. Le PMI interessate potranno creare rete nei seguenti ambiti:

  • innovazione tecnologica, 
  • internazionalizzazione, 
  • marketing, 
  • sistemi di gestione della qualità,
  • valorizzazione delle specificità produttive territoriali. 

 

Questo bando vuol essere anche un punto di partenza e sperimentazione in previsione dei finanziamenti europei 2014-2020. Come spiega l’assessore Guccinelli, “con questo provvedimento sosteniamo nel concreto la nascita di progetti di messa in rete di aziende. In questa fase difficile per l’economia crediamo fermamente che la strada della creazione di sistemi produttivi territoriali che uniscono più aziende con obiettivi e caratteristiche simile sia uno strumento fondamentale per uscire dalla crisi. La stessa Unione Europea nelle direttive per la programmazione 2014-2020 privilegia proprio le realtà economiche cha hanno la capacità di fare rete, di mettersi a sistema”. 

 

Anche in questo caso il bando – ancora non disponibile – sarà presentato on line sul sito della Filse, dove le imprese che intendono associarsi in rete possono presentare domanda non prima del 15 aprile 2014.

 

pdf Bando produzione energia rinnovabile

pdf Bando fondo prestiti rimborsabili