In FVG i disoccupati si formano in Green Economy

tavolo-di-lavoro

In FVG i disoccupati si formano in Green Economy

Un esperimento di collaborazione fra pubblico e privato nel campo dei servizi per l’impiego: un progetto finanziato dall’Unione Europea con 320mila euro per formare e riqualificare lavoratori disoccupati indirizzandoli nel settore della Green Economy

Un campo di lavoro nuovo ed etico, che permetta l’inserimento all’interno del nuovo modello di economia che sta nascendo, quello dell’economia verde, smart, sostenibile. Questa è l’iniziativa attivata in Friuli Venezia Giulia intitolata “Green Placement”.

 

Il progetto finanziato dall’UE, che rientra nell’agenda “New skills and Jobs”  PARES (Partenerships between Employment Services: Green Placement), è stato presentato l’8 febbraio alla Giunta regionale dall’assessore al lavoro Loredana Panariti. Ad avviarlo sarà, in partenariato con la Regione e in collaborazione con i Centri provinciali per l’impiego, l’Agenzia per il Lavoro privata Workopp, già accreditata presso la Regione Friuli Venezia Giulia.

 “Tra i punti di forza del progetto” ha spiegato l’assessora Panariti “va sottolineata la precedente esperienza di collaborazione con Workopp e la scelta di concentrare l’attività a partire da un’analisi dei fabbisogni di un settore innovativo come la ‘green economy’. Cruciale sarà la scelta di specifiche

tipologie di lavoratori e disoccupati per questa iniziativa, in sinergia con altri interventi di inserimento lavorativo attualmente previsti in regione come ‘Welfare to work’ e il Piano giovani”.

Attività di formazione e aggiornamento nel settore della Green Economy sono previste non solo per i disoccupati ma anche per gli operatori pubblici e privati, assieme alla realizzazione di una specifica ricerca in questo campo etico ed innovativo che verrà realizzata sia attraverso contatti diretti con le aziende, sia analizzando le fonti statistiche.

Per capire quali siano esattamente i fabbisogni professionali e formativi espressi direttamente dalle aziende che operano nella Green Economy, ne saranno contattate almeno 400. 

disoccupataVerranno coinvolti in questo esperimento inizialmente almeno 170 lavoratori o disoccupati in situazione di svantaggio, valutandone il livello di occupabilità nel settore della ‘green economy’ e fornendo un servizio di accompagnamento al lavoro, tramite consulenze individuali e/o di gruppo. Saranno inoltre attivati percorsi di qualificazione e riqualificazione mirati per almeno 120 persone, con tirocini di inserimento per coloro che hanno bisogno di maggior supporto. 

Al termine del percorso formativo, si prevede di arrivare a un inserimento con contratto della durata di almeno 6 mesi per non meno di 50 lavoratori, assicurando pari opportunità tra donne e uomini nell’accesso ai servizi.