Assolavoro bandisce 3 premi di laurea

presidente-assolavoro

Assolavoro bandisce 3 premi di laurea

L’associazione nazionale delle Agenzie per il lavoro ha bandito tre premi di laurea intitolati a Giuseppe Cova. Possono partecipare gli studenti  delle facoltà di Economia, Giurisprudenza, Scienze politiche, Sociologia e Scienze della Comunicazione

I premi consisteranno nella somma di 5.000 euro l’uno e potranno concorrervi gli studenti che hanno conseguito la laurea magistrale o a ciclo unico tra il 31 marzo 2013 e il 31 dicembre 2014 presentando una tesi che riguardi il lavoro in somministrazione.

 

Scopo dell’iniziativa è quella di “favorire lo sviluppo degli studi sulle tematiche del lavoro e promuovere l’approfondimento e la comprensione delle dinamiche della flessibilità e della somministrazione”. In quest’ottica, le tesi di laurea devono riguardare i seguenti argomenti: 

  • il lavoro in somministrazione, 
  • il ruolo delle Agenzie per il Lavoro, 
  • le buone pratiche sperimentate in tema di lavoro flessibile in Italia o all’estero, 
  • le innovazioni nel mondo del lavoro proposte o introdotte sul piano normativo o organizzativo.

L’iniziativa è dedicata a Giuseppe Cova, uno dei padri fondatori del settore, prematuramente scomparso il 1° maggio 2013.

Le domande, redatte in carta semplice, dovranno essere presentate, o fatte pervenire a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, ad “Assolavoro” entro e non oltre il 31 gennaio 2015.

Alleghiamo all’articolo il bando; per ulteriori informazioni ci si può rivolgere direttamente alla segreteria di Assolavoro (tel. 06.3244838), l’Associazione nazionale di categoria delle Agenzie per il Lavoro (ApL), che aderisce a Confindustria e rappresenta l’espressione italiana dell’Eurociett, la Confederazione Europea delle ApL.

Ricordiamo che quando si parla di somministrazione di lavoro si intende quello che precedentemente era chiamato lavoro interinale. Infatti, il Decreto legislativo 276/2003, che lo regolamenta, ha sostituito la precedente disciplina del lavoro interinale regolata dalla L. 196/1997 (artt. 1-11). Si tratta di uno specifico contratto di lavoro che ha come oggetto “la fornitura professionale di manodopera a tempo indeterminato o a termine”. Ciò che lo caratterizza è il fatto che i soggetti coinvolti nel rapporto di lavoro sono tre: il somministratore (l’Agenzia per il Lavoro), l’utilizzatore (un’impresa pubblica o privata che ha bisogno dell’opera del lavoratore) e il lavoratore. Tra questi soggetti vengono ovviamente stipulati due diversi contratti: quello commerciale di somministrazione di lavoro (tra l’Agenzia e l’impresa) e quello di lavoro vero e proprio (tra l’Agenzia per il Lavoro e il Lavoratore). In pratica il lavoratore è assunto dall’Agenzia, che lo mette a disposizione temporaneamente (o indeterminatamente) dell’impresa che lo richiede.

Non per questo quindi il lavoratore ha meno diritti: tutte le condizioni di lavoro sono uguali a quelle dei dipendenti diretti dell’utilizzatore, che lo dovrà dirigere e controllare normalmente, come fosse un proprio dipendente diretto. Tra una missione e l’altra, ovvero tra un lavoro temporaneo presso una impresa richiedente e l’altra, il lavoratore resta a disposizione della propria Agenzia. 

Dal punto di vista fiscale e previdenziale, le Agenzie agiscono da sostituti d’imposta, quindi operano tutte le trattenute di legge dalla busta paga, versano i contributi previdenziali e assicurativi, ecc.  

I lavoratori in somministrazione hanno dunque gli stessi diritti, le stesse tutele e la stessa retribuzione dei dipendenti occupati direttamente dall’azienda e sono inoltre destinatari di numerose prestazioni aggiuntive finanziate con risorse private attraverso gli Enti Bilaterali Ebitemp e Forma.Temp.

I lavoratori in somministrazione in Italia nel 2012 sono stati quasi 470 mila, il 21,7% è costituito da giovani tra i 18 e i 24 anni, il 20,2% ha tra i 25 e i 29 anni. Nello stesso anno i nuovi ingressi nel mondo del lavoro attraverso le Agenzie per il Lavoro sono stati oltre 35 mila, il 77% è costituito da persone con meno di 30 anni.  

 

pdf Bando Assolavoro