Io Lavoro: 3 giorni e 6mila nuovi posti

ragazzi

Io Lavoro: 3 giorni e 6mila nuovi posti

Dal 9 all’11 aprile il Lingotto Fiere di Torino ha ospitato la più grande job fair d’Italia. Ingegneri, dj, agenti di commercio le figure più richieste. Workshop e conferenze per chi vuole fare impresa

Lo stand più affollato è quello che seleziona animatori turistici per la stagione estiva. Il perché lo spiega bene Laura, 23 anni, iscritta al terzo anno di biologia: “è un modo per farsi un viaggio e guadagnare qualche soldo durante le vacanze. Una volta laureata, però, voglio fare un master in biologia marina e poi magari trovare posto in un’organizzazione per la difesa dell’ambiente”.

Siamo a “Io Lavoro”,  la principale job fair italiana, ospitata al Lingotto di Torino dal 9 all’11 aprile, e come Laura sono tantissimi i ragazzi che sono venuti qui per trovare un impiego. Alcuni cercano solo un lavoretto, altri l’opportunità  per dare il via ad una carriera vera e propria. C’è chi ha le idee chiare, chi non ha ancora deciso cosa fare “da grande” e chi, come Stefano, 24 anni, fa prevalere il senso di realtà: “ho un diploma tecnico. Finora ho fatto solo qualche lavoretto. Mi va bene tutto pur di riuscire a guadagnare con un po’ di continuità”.

 

io-lavoroSi cerca di dare spazio a tutte le esigenze a “Io Lavoro” . Quest’anno infatti sono 94 le aziende, i franchisor e le agenzie per il lavoro presenti alla manifestazione. Tra queste, ben 76 alla ricerca di personale, provenienti soprattutto dai settori turistico-alberghiero, della ristorazione, commercio, grande distribuzione, agroalimentare, sport e benessere, ma anche il Digital e l’Information and Communication Technology. Seimila complessivamente le posizioni aperte. Tra i profili più ricercati, animatori, agenti di commercio, istruttori sportivi, coreografi, dj, cuochi, scenografi, ballerini. Tante le possibilità anche per quelli che hanno una laurea in ingegneria o sono specializzati nelle diverse professioni legate al web. Questa, invece, la procedura per cercare un impiego: iscriversi online sul sito www.iolavoro.org, consultare l’elenco delle figure richieste , inserire il proprio curriculum e poi sostenere un colloquio di selezione direttamente durante la manifestazione. E i numeri delle scorse kermesse lasciano ben sperare: durante l’edizione 2013 della job fair si sono tenuti infatti 14mila colloqui di lavoro e sono stati raccolti 16mila curricula. Tra le novità di quest’anno, la prima edizione dei campionati piemontesi Worldskills. Si tratta di una sorta di “Olimpiadi dei mestieri”:  una rassegna internazionale che mette in competizione ragazzi dai 17 ai 22 anni chiamati a sfidarsi nei mestieri di cuoco, cameriere, pasticciere, grafico web designer e meccanico d’auto. 

io-lavoro

In programma anche 11 workshop e 68 conferenze sui temi del lavoro, affrontati in modo semplice e concreto. Si va dai consigli per avviare un’impresa commerciale o artigiana all’analisi degli aspetti economici, giuridici e fiscali del franchising. E ancora: il terzo settore, l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, le storie di successo di italiani nel mondo raccontate dagli stessi protagonisti.

{gallery}2014/C7-579G/{/gallery}

In più, dal 9 aprile, la Regione Piemonte ha messo online il sito www.garanziagiovanipiemonte.it, una nuova piattaforma attraverso cui trovare offerte di lavoro, iscriversi alle iniziative regionali e nazionali, scoprire le opportunità per effettuare tirocini in Italia e all’estero. Inoltre, durante la manifestazione, i giovani piemontesi tra i 15 e i 29 anni  ricevono la carta regionale “Pyou card”, tessera gratuita che consente di avere sconti presso alcuni musei e luoghi culturali e, partecipando a iniziative di volontariato e cittadinanza attiva, maturare punti premio. Che cosa si vince? Corsi di lingua o formazione gratuiti, abbonamenti ai trasporti, carnet per andare al cinema e addirittura la possibilità di accedere ai backstage dei concerti delle proprie star preferite.

Egilde Verì