In scadenza, il 10 luglio, il Bando del Piemonte per la ricerca industriale

logo-regione-piemonte

Il bando è a sostegno di progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale di applicazioni integrate e innovative in ambito Internet of Data – IOD
di Daniela Auciello

Pubblicato dalla Regione Piemonte e cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (F.E.S.R.) nell’ambito del Programma Operativo Regionale 2007/2013 a titolo dell’obiettivo “Innovazione e PMI”, il bando ha una dotazione finanziaria complessiva di euro 7.428.415,36. È rivolto alle imprese e ai centri di ricerca che vogliano sviluppare progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale, al fine di realizzare soluzioni integrative e innovative afferenti ad alcune specifiche aree tematiche, quali:

  • Energia;
  • Trasporti;
  • Salute;
  • Ambiente;
  • Sicurezza;
  • Scuole;
  • Smart Communities

Ogni progetto presentato dovrà avere un importo complessivo non inferiore a euro 500.000 e non superiore agli 800.000 euro; sarà volto a elaborare nuove soluzioni prototipali fino al loro sviluppo e a erogare applicazioni software integrate, basate sullo sfruttamento dei dati prodotti dai sistemi connessi ad internet (cose fisiche, persone e applicazioni in rete, secondo il modello di Internet of Things- IOT) e la loro eventuale integrazione con altri dati con la logica Open Data (“Internet of Data”) per la realizzazione di nuovi servizi innovativi.

Le imprese, in collaborazione con i centri di ricerca, seguiranno la metodologia internazionale dei Living Labs, definiti come “ambienti di innovazione aperta, in situazioni di vita reale, nei quali il coinvolgimento attivo degli utenti finali permette di realizzare percorsi di co-creazione di nuovi servizi, prodotti e infrastrutture sociali”. Non si tratta di un approccio completamente nuovo, bensì di una riformulazione di modelli preesistenti incentrati sull’utente, il quale però non solo è posto al centro del processo di sviluppo, ma anche dell’utilizzo di nuovi prototipi di prodotti e servizi, non più all’interno di laboratori dedicati ma in contesti di vita reale.

Per la realizzazione dei progetti i beneficiari potranno avvalersi delle funzionalità rese disponibili dalla piattaforma tecnologica abilitante della Regione Piemonte, Smart Data Platform (smartdatanet.it), in grado di abilitare modelli di cooperazione aperti, non discriminatori e anticipatori di dinamiche di libero mercato. Le domande possono essere presentate dal 10 giugno al 10 luglio 2014 e devono essere inviate via Internet, compilando il modulo telematico reperibile sul sito sistemapiemonte.it. In seguito tutto il materiale dovrà essere inviato via PEC all’indirizzo: finanziamenti.finpiemonte@legalmail.it.

pdf Scarica il bando!